La settima edizione di Cibo Nostrum 2018, la grande festa della Cucina Italiana andata in scena la scorsa settimana nelle splendide location di Zafferana Etnea e Taormina, ha visto tra i protagonisti anche tre eccellenze dei Nebrodi.

Gianluca Barbagallo, chef del “Relais Villa Miraglia” di Cesarò, Isabella Catalano, pasticcera del “Panificio Artigianale Ciancio” di Tortorici, e Mariella Mazzurco, chef del “Ristorante F.lli Mazzurco” di Cesarò, con i loro piatti hanno incantato e deliziato i partecipanti alla kermesse.

Quest’importante vetrina ha permesso di accendere i riflettori sulle eccellenze dei Nebrodi, dai funghi alle nocciole passando per il suino nero. Infatti lo chef Gianluca Barbagallo ha presentato il piatto “Primavera sui Nebrodi”, un’insalata di guancia di vitello accompagnata da pomodoro confit, maionese cidrica al Finocchietto, erbe spontanee e funghi. La chef Mariella Mazzurco ha deliziato tutti con il piatto “Composizione di frutta e verdure con maialino salmistrato e olio di cenere”, un capocollo di suino nero dei Nebrodi con giardiniera alla vaniglia, fave, piselli, olio di oliva bruciato e spuma di mandorle. La pasticcera Isabella Catalano ha presentato il suo “Gioiello dei Nebrodi”, Pasta Reale di nocciole dei Nebrodi, prodotto tipico oricense, accompagnata da mousse di ricotta e composta di arance.

La manifestazione firmata dalla Federazione Italiana Cuochi, in collaborazione con Charming Italian Chef, Conpait e Le Soste di Ulisse, ha permesso ai 22 mila visitatori, amanti del buon cibo e vino, di gustare il meglio della produzione agroalimentare e vitivinicola nazionale.

Inoltre, l’evento animato dal motto “uniti per buona causa” ha visto il ricavato della giornata taorminese, circa 50 mila euro, devoluto dal Dipartimento Solidarietà Emergenze FIC : alla Fondazione Limpe, per la ricerca sul morbo di Parkinson, e al Moige, in favore della campagna di sensibilizzazione contro il Cyberbullismo.

Leggi anche:  Capizzi, atto vandalico contro la macchina del sindaco