domenica - 24 settembre 2017
 
x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

Si svolgerà domenica domenica 3 settembre

A Nicosia la “Sagra del nocattolo, tra i prodotti tipici”

0
condivisioni

Domenica 3 settembre si svolgerà a Nicosia la “Sagra del nocattolo, tra i prodotti tipici”. Il nocattolo è un dolce della tradizione nicosiana, preparato un tempo solo per le grandi occasioni, festività natalizie, matrimoni, cresime, ed oggi presente in tutti i periodi dell’anno, nei panifici e nelle pasticcerie. Il Re della tradizione dolciaria nicosiana, la cui preparazione veniva tramandata da madre in figlia, è costituito da una base rotonda di pasta frolla sormontato da palline di pasta di mandorle, preferibilmente aromatizzate con cannella. Varianti di esecuzione e di nome di questo dolce a base di mandorle si trovano un po’ in tutta la Sicilia, a San Fratello ad esempio si chiamano “gnuchiètuli”, nell’area madonita e nel Ragusano “mucàtuli”.

Il significato del nome nocattolo viene così spiegato dal professor Carmelo Trovato “la spiegazione etimologica muove di certo da un sintagma del tipo “pasta nucàtula”, cioè ‘pasta fatta con noci”. È chiaro che tutti mi diranno che il nostro dolce è fatto con mandorle, a Nicosia, come a San Fratello, a Modica o Ragusa come nei paesi della Madonie, e non con le noci. Verissimo! Ma, un vocabolario latino-volgare del 1500 (il “Vallilium” di Nicola Valla, pubblicato proprio in quell’anno) spiega in latino, che traduco, che per “nuce” si intendono molte specie di frutti col guscio duro, come, ad esempio «la juglans, che volgarmente chiamiamo noce, la mandorla, la nocciola ovvero avellana, la castagna e la ghianda». Credo che possa bastare per capire l’etimologia-motivazione del “nocàttolo”. La -o- di nocàttolo, invece della -u- etimologica, è dovuta a un processo di nobilitazione, e di conseguente italianizzazione, che il nome del dolce richiede.”

La Sagra è, stata pensava come, un’occasione per ricordare la tradizione e per far conoscere e gustare i sapori autentici che il territorio nicosiano offre, con le sue numerose eccellenze. Il percorso enogastronomico itinerante, prenderà avvio domenica alle 11.30 e si concluderà intorno alle 23.30; consentirà ai partecipanti, mediante un ticket del costo di 5 euro, di accedere ad un percorso fatto da quattro tappe culinarie: la prima tappa sarà piazza Marconi, la seconda tra via F. Testa e piazzetta San Calogero, la terza largo del Mercato e la quarta ed ultima tappa piazza Garibaldi. In questi quattro luoghi sarà possibile degustare prodotti locali di alta gastronomia. L’ultima tappa, in piazza Garibaldi, permetterà la degustazione del dolce, il nocattolo per l’appunto. Tra i prodotti in rassegna ci saranno la mozzarella e la provola di bufala, “made in Nicosia” infatti si tratta di eccellenze casearie ottenuta dal latte di animali allevati nel territorio nicosiano; le birre artigianali, prodotte con materie prime coltivate in loco; il vino locale; i salumi, i patè e le confetture extra, anche questi realizzati con materie prime locali.

Leggi anche:  Sant'Agata Militello, al via dal 4 marzo "Sabato a teatro"

Inoltre, durante la manifestazione ci sarà la sfilata dei veicoli storici in raduno per l’occasione nella cittadina e anche dei carretti siciliani. Diverse le esibizioni di vari gruppi folk che animeranno il percorso a tappe, e alle 21.30 in piazza Garibaldi a conclusione della giornata ci sarà il concerto di Pietro Adragna, campione mondiale di fisarmonica.

La cittadina ennese è pronta ad accogliere i visitatori non solo con le numerose delizie enogastronomiche ma anche con delizie artistiche e culturali; infatti, sarà possibile visitare le numerose opere d’arte e i monumenti architettonici pressi in città, la mostra “Guido Reni e la magnificente bellezza, opere da Ascoli Piceno” presso la Chiesa di San Calogero (per info e prenotazioni 320.2727339); il soffitto ligneo a capriate dipinto, unico in Europa, presente nella magnifica cattedrale (per info 3498524504) e palazzo Salomone, aperto al pubblico per l’occasione.

“La sagra con il percorso enogastronomico itinerante – spiega l’assessore Ivan Bonomo,- è stata creata per valorizzare i prodotti del territorio e le aziende che qui stanno investendo, molte di queste sono delle startup e proprio per questo vogliamo incentivarle con iniziative del genere. Abbiamo voluto dedicare una giornata al nocattolo e a questi prodotti d’eccellenza all’interno del centro storico per valorizzare anche il centro storico con i grandi tesori che racchiude.”

L’evento – prosegue Bonomo,- giunto alla sua terza edizione, sta diventando di richiamo regionale e sono già molte le prenotazioni registrate per domenica. Con il nostro operato stiamo cercando, sempre più, di consolidare la tradizione, la valorizzazione dei prodotti enogastronomici e la scoperta delle nostre opere d’arte, e per l’occasione ci sarà anche l’apertura straordinaria di palazzo Salomone, uno dei più importanti palazzi nobiliari della città.”

0
condivisioni

Commenta con Facebook