venerdì - 02 dicembre 2016
 
#noccioleti#Nebrodi#Galati Mamertino#Castel di Lucio#Calogero Emanuele
x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

Bandiere Blu, tra le new entry c’è la spiaggia di Tusa

lo-scoglio-della-spiaggia di Tusa
0
condivisioni

La Sicilia perde cinque Bandiere Blu ma per la provincia di Messina arriva una buona notizia: tra le new entry di quest’anno c’è la spiaggia di Tusa. Mentre restano senza riconoscimento Ragusa e Marsala. In totale la nostra regione ha avuto cinque Bandiere Blu. riconoscimento che viene assegnato in base a determinati criteri guidati dallo spirito “verde” che vanno «dall’assoluta validità delle acque di balneazione» (devono avere una qualità eccellente) all’efficienza della depurazione, dalla raccolta differenziata alle aree pedonali, piste ciclabili e spazi verdi, fino alla dotazione di tutti i servizi sulle spiagge..

In Liguria, invece, sventoleranno 23 Bandiere Blu; sul podio delle spiagge migliori anche la Toscana con 18 località e le Marche con 17. In tutto nel nostro Paese potranno fregiarsi delle Bandiere Blu 2015 – il riconoscimento assegnato dalla Fee (Foundation for environmental education) – 280 spiagge al top per l’eccellente qualità delle acque (il 7% del totale di quelle premiate a livello internazionale) ma anche per altre qualità green, distribuite in 147 comuni rivieraschi, mentre 66 sono gli approdi turistici doc.

 

«Anche per il 2015 possiamo annunciare con soddisfazione un aumento di Bandiere Blu – afferma Claudio Mazza, presidente della Fee Italia – un incremento costante che dimostra, nonostante le ridotte risorse economiche, la volontà di tanti comuni di non mettere al secondo posto l’attenzione per l’ambiente». Punti cardine per ottenere la Bandiera Blu sono anche gestione del territorio, educazione ambientale, promozione di un turismo sostenibile. Nella fase di valutazione, portata avanti dalla Giuria nazionale, hanno dato il loro contributo, tra gli altri, i ministeri dei Beni culturali e delle Politiche agricole, gli assessorati regionali al Turismo, il Comando generale delle Capitanerie di Porto-Guardia costiera, l’Ispra e i sindacati balneari.

0
condivisioni

Commenta con Facebook

Login Digitrend s.r.l