In arrivo nuovi concorsi per lavorare nei Beni Culturali. Il MIBAC ha in programma 5.400 assunzioni di personale. Gli inserimenti saranno effettuati mediante nuove procedure concorsuali e scorrimento di graduatorie in essere.

Il primo bando è stato pubblicato ed è finalizzato al reclutamento di 1.052 Vigilanti. Per partecipare alla procedura concorsuale c’è tempo fino al 23 settembre.

Ecco cosa sapere sui concorsi Ministero Beni Culturali che saranno banditi.
Il Ministero per i beni e le attività culturali ha aperto, infatti, un bando di concorso per 1.052 Assistenti alla fruizione, accoglienza e vigilanza, da assumere a tempo indeterminato presso il MIBAC. L’avviso relativo alla procedura concorsuale è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 4ª Serie Speciale – Concorsi ed Esami n.63 del 09 agosto 2019.

Il MIBAC aveva annunciato il concorso attraverso un post pubblicato sulla pagina Facebook ministeriale, dedicato alle prossime assunzioni nei Beni Culturali. Stando alla nota, nelle prossime settimane uscirà anche un concorso unico del Ministero della Funzione Pubblica per assumere personale in diverse amministrazioni, che servirà a reclutare 250 Funzionari Amministrativi per il Ministero dei Beni Culturali. Entro ottobre, inoltre, saranno attivate ulteriori procedure concorsuali. L’intenzione del Ministro dei Beni Culturali, Alberto Bonisoli, è di incrementare l’organico ministeriale di 5.400 unità di personale in totale mediante i concorsi.

Queste selezioni Pubbliche per lavorare nei Beni Culturali rientrano nel piano di inserimenti del Ministero annunciato nel mese di giugno dal sottosegretario ai Beni Culturali, Gianluca Vacca, nel corso di una interrogazione durante una convocazione della Commissione Cultura della Camera dei Deputati. Si tratta di una importante iniziativa di reclutamento grazie alla quale, già entro il 2020, ci saranno nuove assunzioni MIBAC per ben 2.052 posti.

Leggi anche:  Lavoratori Asu, domani incontro a Torrenova

Si stima che numerosi posti di lavoro nel Ministero dei Beni Culturali resteranno vacanti nei prossimi due anni, in parte perché diversi dipendenti andranno in pensione per aver raggiunto i limiti di anzianità e in parte per effetto di misure per il pensionamento anticipato quali ‘Quota 100’ e ‘Opzione Donna’.

Per garantire il turnover del personale e far fronte alla carenza di organico causata da queste uscite, si provvederà dunque ad inserire nuove risorse tra il 2019 e il 2020. Parte delle assunzioni sarà effettuata scorrendo le graduatorie di procedure concorsuali già concluse, mentre per altre assunzioni saranno banditi nuovi concorsi Beni Culturali. Le nuove assunzioni si aggiungono al generale programma assunzionale del Ministero per i Beni e le Attività Culturali per il 2019–2021, che porterà in totale alla copertura di 3.600 posti di lavoro.

ECCO LE FIGURE RICHIESTE

Le assunzioni Ministero Beni Culturali programmate entro il prossimo anno riguarderanno personale non dirigenziale. Le figure cercate sono le seguenti:

ASSUNZIONI 2019

n. 1052 Addetti Accoglienza e Vigilanza;
n. 250 Funzionari Amministrativi.

ASSUNZIONI 2020

n. 500 unità di personale non dirigenziale di seconda area funzionale;
n. 250 unità di personale non dirigenziale di terza area funzionale.

DOMANDE E BANDI

Ecco il BANDO (Pdf 98Kb) per 1.052 Addetti accoglienza e vigilanza. Vi ricordiamo che le domande devono essere inviate entro il 23 settembre. Per ulteriori informazioni sul concorso potete visitare questa pagina.

Gli interessati alle future assunzioni MIBAC e alle altre opportunità di lavoro nei Beni Culturali devono attendere l’uscita degli altri bandi ufficiali di selezione, che saranno pubblicati anche attraverso la pagina web Ministero Beni Culturali “Concorsi”.

Leggi anche:  Santo Stefano di Camastra, concorso per 4 autorizzazioni di Noleggio con Conducente