venerdì - 02 dicembre 2016
 
#noccioleti#Nebrodi#Galati Mamertino#Castel di Lucio#Calogero Emanuele
x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

Brolo, interrogazione di Germanà sulla gestione finanziaria del Comune

nino-germana
0
condivisioni

“Mi chiedo se non vi siano forse delle pressioni politiche finalizzate a  far sì che la situazione del Comune di Brolo non rientri con il minor danno possibile per la città e i suoi cittadini”, asserisce polemico il  deputato regionale Nino Germanà, che torna a segnalare le anomalie legate alla gestione delle criticità del paese nebroideo con una nuova interrogazione rivolta all’Esecutivo regionale che sarà presentata nelle prossime ore.

“Considerato che nel mese di Luglio 2014, l’amministrazione Ricciardello, ha richiesto alla Regione Siciliana l’invio di una commissione ispettrice per la verifica della condizione del dissesto finanziario dell’Ente, che il mese successivo l’Assessorato Enti Locali della Regione Siciliana nominava Carmelo Messina e Angelo Sarajeva, per verificare in 60 giorni, i parametri di dissesto dell’ente, i quali, in ottobre, con l’approssimarsi della scadenza del loro mandato ispettivo, chiedevano ulteriore proroga di ulteriori 60 giorni fino al 9 dicembre 2014 e che, tutto considerato, alla data odierna non hanno ancora presentato la relazione conclusiva della loro ispezione sul dissesto finanziario dell’ente comunale di Brolo”, premette il parlamentare, “è doveroso che da Palazzo d’Orleans si chiarisca quali siano i motivi per cui i commissari -nonostante la concessione dell’ulteriore proroga e l’ottenimento di tutti di documenti loro necessari per operare una chiara valutazione- non abbiano ancora presentato la relazione finale richiesta. Inoltre vorrei che la Regione appurasse se vi siano o meno pressioni o condizionamenti ai danni di suddetti commissari e della loro azione ispettiva, tali da spiegare la ragione per cui essi non riescono a portare a compimento la mansione di cui sono stati incaricati da oltre 4 mesi”. La faccenda in essere ha così portato , far data dall’11 dicembre 2014, la Banca Unicredit, tesoriere dell’Ente, a notificare l’immediata chiusura del suo conto corrente, “poiché non sono stati presentati il consuntivo del 2013 ed il previsionale 2014”,si legge nelle motivazioni, paralizzando -di fatto- l’ente sia nel regime di amministrazione ordinaria che straordinaria.“A questo punto diventa essenziale comprendere quali provvedimenti intenda intraprendere l’Assessorato Enti Locali giacché la chiusura del conto ha, di fatto, immobilizzato l’ente comunale brolese. E’ ovvio si debbano pretendere urgenti risposte; è necessario che gli amministratori e i cittadini abbiano contezza di quali azioni poter intraprendere e che misure adottare nell’interesse della pianificazione che in ogni Ente  locale va predisposta”, conclude il deputato.

0
condivisioni

Commenta con Facebook

Login Digitrend s.r.l