martedì - 25 luglio 2017
 
x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

si snoda attraverso un itinerario di 62 chilometri

Il cammino di San Felice da Nicosia passa da Mistretta

Cammino
0
condivisioni

Il cammino francescano dedicato a San Felice da Nicosia, da quando è stato inserito nei Cammini sacri di Sicilia, è divenuto uno tra gli itinerari turistici religiosi siciliani di maggiore interesse a livello regionale. Un percorso sacro, un pellegrinaggio a piedi da Tusa a Nicosia, che si tiene nel periodo compreso tra il 7 e il 10 luglio e punta a far conoscere il territorio e la figura del Santo nicosiano. Presentato dall’assessorato regionale al Turismo alla Borsa del turismo di Berlino, il circuito isolano, a piedi, si snoda attraverso un itinerario di 62 chilometri. Si parte da Tusa e dopo avere attraversato i Comuni di Pettineo, Motta d’Affermo e Mistretta, arriva a Nicosia.

Il pellegrinaggio venne istituito nel 2012, dai frati Cappuccini di Nicosia e Salvotore Lo Sauro, ed è diventato un vero e proprio cammino francescano in onore del Santo nicosiano vissuto nel Settecento e canonizzato nel 2005. Nel tardo pomeriggio di venerdì il gruppo di camminatori, con la statua e la reliquia di San Felice, è giunto nella città di Mistretta. Ad aspettarlo, nei pressi della Villa Chalêt, un importante numero di fedeli con i quali, in processione, il corteo è proseguito fino alla piazza al Santo dedicata e, dopo un momento di preghiera, si è giunti alla conclusione della serata con la visita dei pellegrini al Santuario della Madonna dei Miracoli.

Stamattina il gruppo, prima di ripartire alla volta di Nicosia, accompagnati dall’associazione Valle delle Cascate, ha fatto un’escursione nell’incantevole Valle di Mistretta. Ai piedi della cascata Ciddia, Frate Salvatore, cappuccino del convento di Adrano, con l’acqua pura della cascata, ha bagnato il capo degli astanti chiedendo a ciascuno il rinnovo delle promesse nel ricordo del Battesimo e nella preghiera per manifestare al Signore la gratitudine per il dono della fede.

0
condivisioni

Commenta con Facebook