Si è attestata al 56,05% la percentuale della raccolta differenziata nel mese di novembre a Capo d’Orlando. Una flessione, rispetto ad ottobre, dovuta all’apertura a singhiozzo degli impianti di conferimento. Problema, questo, comune alla quasi totalità dei centri siciliani. Una parte consistente della differenziata è infatti ferma  al centro comunale di Pissi in attesa di essere trasferita negli impianti di trattamento. Incoraggiante, invece, il dato proveniente dalla raccolta di oli vegetali esausti grazie ad appositi contenitori dislocati in diverse zone del centro e delle frazioni. In poco più di due settimane, sono stati raccolti oltre 300 litri di olio.

Tra l’altro, le postazioni di raccolta sono state incrementate, mentre alcune di quelle già posizionate sono state spostate in zone limitrofe, ma meno invadenti  sotto l’aspetto dell’impatto visivo. I contenitori si trovano, oltre al Centro Comune di Raccolta di Pissi, in Piazza Trifilò, sul lungomare Doria (tra il PalaValenti e il Cineteatro), Piazza Librizzi, Via Torrente Forno, San Martino, Piscittina, San Giuseppe, San Gregorio e Scafa.

“Siamo dispiaciuti per la flessione nella percentuale di raccolta differenziata dovuta a cause esterne – commenta il Sindaco Ingrillìma questo non pregiudica lo sforzo compiuto fino ad ora teso a ridurre il conferimento dell’indifferenziato. Proseguiamo sulla strada tracciata con determinazione, con l’obiettivo di raggiungere benefici per l’ambiente e per i cittadini”.

Leggi anche:  Truffe all'Ue, Sindoni "salvato" dalla prescrizione