Un convegno per ricordare Padre Placido Rivilli, nell’anno in cui ricorrono i 100 anni della sua nascita, organizzato dal sindaco del Comune di Castel di Lucio, Pippo Nobile, che ha coinvolto il Movimento e il Comune di Motta d’Affermo e i Frati Minori Francescani.

Un appuntamento su due distinte giornate, la prima a Motta D’Affermo il prossimo 24 novembre, presso la Casa del Vangelo “Tabor”; la seconda, il giorno seguente, a Castel di Lucio, nell’Aula Consiliare “Paolo Borsellino” che ha lo scopo di celebrare e ricordare l’uomo, il frate, l’esempio per gli uomini che, con la sua inflessibile fede nella perennità di alcuni fondamentali valori, ha contribuito a costruire il tessuto sociale, religioso e culturale delle comunità in cui frate minore francescano ha prestato la sua opera. Un titano della fede che durante il suo cammino ecumenico ha avuto modo di conoscere e diventare amico e confessore del beato Don Pino Puglisi

Padre Placido Rivilli nasce a Castel di Lucio il 29 novembre del 1918. Fin dalla fanciullezza attratto dalla figura di S. Francesco d’Assisi e di Gesù , frequenta assiduamente il convento del suo paese e ben presto lascia la famiglia, alla quale era molto legato, per seguirne le orme.

Giovanissimo, entra nel Collegio Serafico di Acireale e il 3 ottobre del 1934 veste l’abito francescano nel convento di Bronte, dove compie il noviziato ed emette la professione temporanea il 4 ottobre del 1935 e quella solenne il 25 dicembre del 1939. Terminati gli studi filosofici e teologici fu ordinato sacerdote il 12 giugno del 1943 a Bagheria, dove iniziò la sua missione.

Pose le basi del Movimento Presenza del Vangelo che coinvolse tante persone di diversi continenti, di tante razze, e di varie culture: dai paesi dell’Africa, agli Stati Uniti e nell’ America latina dove ancora il movimento è molto attivo. Fece innumerevoli viaggi per il mondo tanto da meritare l’appellativo di “frate vento”. Nel 1948 Padre Rivilli diede vita alla Comunità dei Missionari del Vangelo ed il Movimento pubblica, per la prima volta, la rivista “Presenza del Vangelo” per portare a tanti il segno della fede , della gioia e della speranza. Il Movimento oggi è presente, oltre che in Italia, nel Perù, in Bolivia, anche in Albania e nel Cameroon

Leggi anche:  A Mirto sabato 1 giugno "Un giorno da bambini"

Il 13 dicembre del 1999 Padre Rivilli lascia la dimora terrena per ricongiungersi al Padre. A quasi 20 anni della sua morte le comunità di Motta D’Affermo e Castel di Lucio, sabato 24 e domenica 25, commemorano l’uomo diventato un illuminante esempio di virtù che credeva in quel che diceva e con le ali ai piedi approdò ovunque, facendo risuonare la sua voce al servizio della Parola.