E’ stata fissata una data ufficiale nella quale dovrebbero essere pubblicati i bandi per la concessione in affitto dei fondi di proprietà del Comune di Mistretta. A renderlo noto sono stati i Commissari Straordinari che, proprio oggi, hanno adottato un Disciplinare Attuativo del Regolamento, approvato con deliberazione di Consiglio, facendo ricorso ad una procedura aperta di evidenza pubblica. Dunque, tra 15 giorni,  salvo imprevisti, per i lotti con l’istruttoria tecnica definita, verrà pubblicato il bando.

Tale disciplinare si è reso necessario per accelerare gli accertamenti tecnici preliminari e le procedure per definire nel più breve tempo possibile la concessione in locazione dei fondi, nonché per consentire l’approfondimento delle problematiche afferenti i fondi non censiti o utilizzati impropriamente. In buona sostanza, secondo indiscrezioni, dal lavoro scrupoloso di Commissari e Sovraordinati sarebbero stati individuati dei fondi di proprietà dell’Ente amastratino che, stranamente, da diversi anni a questa parte, non erano più nella disponibilità del Comune. Parecchi ettari di terreno che non risultavano nell’elenco dei terreni comunali da bandire dove, però, dalle informazioni in nostro possesso, le vacche di qualcuno, più scaltro o malandrino rispetto ad altri, pascolavano e proliferavano.

Il ritardo della pubblicazione dei bandi, annunciato dalla Commissione già qualche mese a dietro, sarebbe da addebitare, a quanto pare, ad accertamenti e approfondimenti sulla questione ai quali avrebbe lavorato straordinariamente l’Ufficio Tecnico del Comune di Mistretta coordinato dai sovraordinati.

Il Disciplinare Attuativo del Regolamento, sul quale ha lavorato la commissione,  contiene 7 articoli che hanno lo scopo di facilitare l’avvio delle procedure concorsuali dei fondi rustici e a contemperare gli interessi economici del Comune di Mistretta. Le novità sostanziali, contenute negli articoli 6 e 7, prevedono che il diritto di prelazione può essere esercitato da chi ha rivestito la qualità di conduttore nel contratto di affitto già stipulato e scaduto, limitatamente a un singolo lotto anche allorquando detto conduttore abbia stipulato contratto/i relativo/i a più lotti; ciò nel rispetto dell’art. 3 comma 8 del Regolamento che così prescrive “..a ciascun aggiudicatario non può essere assegnato più di un lotto”.

Il diritto di prelazione può essere esercitato da chi svolga l’attività di imprenditore agricolo, in forma individuale o associata, in via esclusiva (non congiuntamente ad altri mestieri o attività imprenditoriali/professionali, tranne che le medesime attività siano direttamente correlate all’uso dei terreni); ciò nel rispetto dei principi generali di cui agli artt. 2, comma 3, e 7 del Regolamento. In conformità alla finalità dell’assegnazione dei lotti, rivolta a favorire lo sviluppo delle forze produttive, più giovani e qualificate professionalmente, espressione del territorio e della comunità di Mistretta, di cui al citato art. 2 del Regolamento, comma 3, le procedure aperte ad evidenza pubblica avverranno nel rispetto dei seguenti principi: 1) il diritto di prelazione non potrà essere esercitato da soggetti di età superiore a 67 anni. 2) Il richiedente l’assegnazione non potrà avere una età superiore a 67 anni”.

Leggi anche:  Sempre meno servizi all'Ospedale di Mistretta, da gennaio via un cardiologo