domenica - 22 ottobre 2017
 
x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

Ricevuti dal presidente Ardizzone

Gli studenti dell’associazione universitaria Artu di Messina in visita a Palazzo dei Normanni

0
condivisioni

Gli studenti dell’associazione universitaria Artu sono stati questa mattina in visita a Palazzo dei Normanni. A riceverli, nella sala ‘Pio La Torre’ del Parlamento siciliano, il presidente dell’Ars Giovanni Ardizzone.

Insieme a loro il docente di diritto costituzionale dell’Università di Messina, Giacomo D’Amico, che, insieme al decano dei giornalisti parlamentari siciliani, Giovanni Ciancimino, hanno animato un dibattito sullo Statuto siciliano e sul futuro dell’autonomia dell’Isola a settant’anni dalla sua nascita. Ha moderato i lavori Santi Coniglio, esponente di Artu e rappresentante degli studenti nel dipartimento di Giurisprudenza dell’ateneo messinese.

Nel corso dell’incontro è apparso chiaro a tutti che il futuro dello Statuto passa attraverso una riattualizzazione sostanziale del testo, “a cominciare dalle norme che reggono l’autonomia finanziaria, e rivedere la legge che disciplina i rapporti tra governo regionale e Parlamento siciliano”, come ha sottolineato nel suo intervento il professore D’Amico. Sulla stessa lunghezza d’onda il presidente Ardizzone che è favorevole, per esempio, a una modernizzazione amministrativa e l’abolizione di organi come il Consiglio di giustizia amministrativo”.

“Per tanti giovani come noi, che si stanno avvicinando alla politica e vogliono essere classe dirigente di domani, è stata una giornata importante per capire storia e funzioni del nostro parlamento – afferma il presidente onorario di Artu, Andrea Faraone -. “E’ un incontro su un tema controverso e quanto mai attuale, specie dopo la bocciatura del referendum costituzionale dello scorso 4 dicembre – osserva il presidente, Giuseppe Ziino -; parlare oggi di Statuto e autonomia, significa discutere di quelle proposte che possono trasformare la nostra Carta per renderla ancora più efficace nella costruzione di una Sicilia più competitiva e moderna con meno corruzione e mafia, come la vorremmo noi giovani”.

Leggi anche:  Bando da 20 milioni sulle startup extra agricole nelle zone rurali

Alla fine dell’incontro il presidente dell’Assemblea regionale siciliana ha regalato agli studenti dei libri sulla Storia del Parlamento siciliano e, subito dopo, i ragazzi hanno visitato sala d’Ercole, sedendosi sugli scranni della presidenza e nei posti di solito occupati dal presidente della Regione e dalla giunta di governo. Prima di lasciare il Palazzo, infine, i soci di Artu si sono recati nelle sala Montalto per visitare la mostra “Novecento italiano”.

0
condivisioni

Commenta con Facebook

Login Digitrend s.r.l