lunedì - 22 ottobre 2018
 
x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

domenica al "Provinciale" di Erice la sfida Paceco - Troina

Il Troina vince il derby contro la Sancataldese e resta in vetta

troina-sancatandese_leonardo de vita
0
condivisioni

Nella trentunesima giornata di Campionato di serie D, girone I, il derby Troina – Sancataldese è stato vinto dai rossoblù per 2-1. Allo stadio “Silvio Proto” di Troina i ragazzi di mister Pagana vinco e restato in vetta alla classifica con Nocerina e Vibonese. Ennesima domenica al cardiopalma con un Campionato ricco di suspense e alle battute finali, mancano 3 gare alla fine.

Nel primo tempo, la Sancataldese si rende offensiva in diverse occasioni e al 42′  Ouattara segna il gol dell’1-0, portando in vantaggio i verdeamaranto. Nel secondo tempo, il Troina cerca di reagire e al 78′ Adeyemo, su cross di Busto, mette la palla in rete ed è pareggio per il Troina, 1-1. Troina che non si accontenta del semplice pareggio e spinge in avanti. All’87′ Fernandez segna il gol del 2-1 finale, per i rossoblù.

commando neuropatico sancataldeseSugli spalti è stata una domenica di grande festa, i padroni di casa sono stati sostenuti dal popolo rossoblù e dagli ultras del Nucleo Imakera, a seguito dei verdeamaranto gli ultras del Commando Neuropatico.
Con questa vittoria il Troina si porta a 67 punti, insieme a Nocerina e Vibonese; segue l’Ercolanese a 57 punti e l’Igea Virtus a 54. La prossima sfida, domenica 22 aprile, al “Provinciale” di Erice con il Paceco.

Mister Giuseppe Pagana nel dopo partita commenta così la gara “ogni partita, come ho sempre detto, è una finale, adesso le gambe pesano, i ragazzi non hanno mai affrontato queste situazioni e in gare del genere perdono qualcosa. Oggi la squadra era un po’ contratta, ci siamo allungati perché giocando con due attaccanti più Souare la squadra è un po’ proiettata in avanti, però perde qualcosa a metà campo e poi quando il risultato non arriva perdiamo fluidità di gioco e siamo stati poco brillanti.

Però alla fine quello che conta, in questo momento, è la vittoria; la vittoria è arrivata, siamo a 3 turni dalla fine, siamo lì a pari merito con la Vibonese e la Nocerina. Adesso quello che conta sono i risultati, il gioco sinceramente se arriva che ben venga, però quello che più conta è la vittoria e oggi siamo qui un’altra volta a festeggiare un’altra vittoria e ci prepariamo subito per la prossima.”

“I ragazzi – prosegue Pagana, – magari in questo momento avvertono troppo questa pressione e fanno qualche errore di troppo; parliamo di ragazzi che per un periodo dell’anno giocavano tranquillamente ad un tocco e non sbagliavano mai, nelle ultime partite invece qualcosa l’abbiamo persa, però con la forza e con la tenacia siamo riusciti a portare a casa 3 punti fondamentali, contro un’ottima squadra quindi da questo punto di vista non possiamo essere che felici.”

Il Mister in merito al ruolo di Giovanni Fricano dice “il ragazzo ha dato tutto, perché giocando con tre ragazzi ultra offensivi, più altri che sono tutti prettamente tecnici la squadra perde qualcosa a metà campo e c’è qualcuno che si deve sacrificare; nel primo tempo è toccato a Giovanni, poi il ragazzo ha avuto un po’ di influenza in settimana ha perso un po’ di lucidità, ed è entrato Adeyemo che fortunatamente per noi è stato decisivo, poi è entrato Fernandez che ha fatto gol. Il nostro è un grande gruppo, una grande famiglia, dove tutti sono importantissimi oggi l’hanno dimostrato ancora una volta.”

Leggi anche:  Troina Calcio, pareggio amaro con il Messina

Pagana continua parlando di Adeyemo e Souare e dell’ottimo campionato del Troina “i ragazzi, allenandosi per tutto l’anno in una certa maniera, c’è stato un periodo dell’anno che dal punto di vista fisiologico perdono qualcosa, e invece ci sono anche delle partite come quella di oggi che danno qualcosa in più.

Souare è un ragazzo che le ha fatte tutte, quindi ci può stare che avvertiva un po’ di stanchezza. Adeyemo veniva da un lungo stop e quindi ci saranno partite come quella di oggi che andrà bene e altre partite dove il ragazzo magari avverte il fatto che non ha giocato per molto tempo; però anche gli altri sono entrati e hanno fatto bene.

Per noi quello che conta , in questo momento, è continuare a vincere; adesso mi sembra che nelle ultime 6 partite ne abbiamo vinte 5 e 1 sconfitta, quindi la media nostra è altissima, il problema è che le altre squadre non mollano neanche un centimetro. Quindi, se andiamo ad analizzare il nostro Campionato noi siamo a 67 punti e quindi potenzialmente potremo arrivare a 76, che sono gli stessi punti che l’anno scorso ha fatto la Sicula Leonzio che ha battuto anche il record di vittorie consecutive.

I numeri dicono anche che noi abbiamo fatto una grandissima stagione, e che stiamo continuando a fare una grandissima stagione; i numeri dicono che ci sono altre due squadre che stanno facendo la stessa cosa e che mai nel Campionato di serie D 3 squadre a 3 giornate dalla fine avevano tutti questi punti.
Noi siamo un pò gli intrusi, però siamo fieri di essere lì, e fino alla fine battaglieremo per cercare di vincere questo Campionato.”

Sulle condizioni di Mellilo e Diop mister Pagana dice “Melillo, non rientra, lasciamolo recuperare in pace, non gli mettiamo fretta. Come vediamo anche Diop, tutti aspettavamo Diop, ma Diop non può essere il ragazzo che era all’andata, perché il ragazzo all’andata aveva fatto tutti gli allenamenti, era entrato in condizione straordinaria, poi è stato fermo 65 giorni e con la forza di volontà che ha avuto di rientrare in gruppo si è rimesso in gioco, però il ragazzo non può dare quello che ha dato nel girone d’andata. Mi dispiace anche che a volte qualcuno lo critica, però io posso dire solo grazie al ragazzo che si è messo a disposizione, poi se lui va in campo anche quando non è in condizione è colpa mia, perché in cuor mio la speranza è che lui ritorni in forma, allo stesso tempo è un giocatore che gli altri temono e quindi ci può dare quel qualcosina in più quand’è in campo, però è anche vero che il ragazzo purtroppo non riesce ad essere in condizione come prima; però mai dire mai, magari fa 3 gol nella finalissima e poi siamo un’altra volta tutti felici.”

In merito alle prossime gare l’allenatore rossoblù dice “penso già alla partita con il Paceco, perché mi sembra che oggi ha pareggiato e quindi ha accorciato sulla terzultima e quindi è giusto che loro ci credono. Sarà una partita difficilissima, perché prima dell’ultima partita a Nocera ci dobbiamo arrivare, ci dobbiamo arrivare quanto meno a pari punti, quindi per fare questo bisogna affrontare sia la prossima che quella con i Portici come altre finali, fare 6 punti. E poi vediamo se la Nocerina è altrettanto brava a vincerle entrambe e poi, alla fine, andremo a giocare a Nocera e lì vedremo chi è più forte e chi è più bravo!! Però per adesso pensiamo e concentriamoci solamente sulla partita con il Paceco, perché da lì passa tutto.”

Foto di Leonardo De Vita

Leggi anche:  Troina, contributi del 50% per il rifacimento dei prospetti di immobili nel centro storico
0
condivisioni

Commenta con Facebook

Login Digitrend s.r.l