Un’opportunità formativa in più che ha ridato rassicurazione alle famiglie nebroidee.  Grazie alla collaborazione tra il Dirigente dell’Istituto d’Istruzione Superiore “Alessandro Manzoni” di Mistretta, prof.ssa Antonietta Amoroso e l’Ufficio Scolastico Provinciale, sulla base di un attento lavoro di analisi delle esigenze territoriali e di ascolto delle richieste delle famiglie, il centro del comprensorio nebroideo ha  ottenuto, in aggiunta alla classe prima del Liceo delle scienze applicate, l’autorizzazione all’attivazione della classe prima del liceo scientifico.

“Si tratta di un importante risultato – afferma con soddisfazione la Dirigente –  raggiunto grazie alla sensibilità e all’attenzione  che l’Ufficio scolastico Provinciale  ha dimostrato  nei riguardi della nostra Istituzione Scolastica che, trovandosi ai margini della Provincia, in una zona montana a circa m.1000, rischia purtroppo di vedere penalizzati i giovani studenti che per fruire del diritto allo studio, secondo le attitudini e le passioni personali, dovrebbero altrimenti  percorrere lunghe distanze”.

La decisione, di forte consolidamento delle pari opportunità educative e del valore dell’inclusione, è scaturita dunque sia dalla volontà di non depauperare un territorio ampio  che fa riferimento al Manzoni per la formazione  culturale e umana dei propri giovani che dal riconoscimento al ruolo storico dell’Istituto che, da sempre, rappresenta  un valido presidio educativo.

“Siamo orgogliosi – conclude la Preside Amoroso­ – di poter salvaguardare la continuità nel servizio educativo offerto dal Liceo Scientifico  con entrambi  gli  indirizzi “Scienze Applicate” e “Nuovo ordinamento”. Ancora oggi , e da più  di 150 anni, l’Istituto Superiore  Alessandro Manzoni di Mistretta  è una realtà scolastica viva e  garante di qualità formativa per la popolazione dell’entroterra dei comuni del territorio dei Nebrodi occidentali”.

Leggi anche:  Giovane artista mistrettese si qualifica per le semifinali nazionali di San Remo