mercoledì - 26 settembre 2018
 
x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

Annuncia ricorso al Tar di Catania contro la decisione

Longi, decade consigliere Miceli: “Fatto fuori perché scomodo”

0
condivisioni

Antonino Miceli non è più consigliere comunale di Longi. L’esponente del gruppo di minoranza“Longi Casa Comune” è stato dichiarato decaduto dal Consiglio comunale, durante la seduta dello scorso 28 febbraio. La proposta di decadenza è stata esposta dal Presidente del Consiglio Gaetano Russo e ha ricevuto, mediante voto segreto, 6 voti favorevoli, 1 scheda bianca e 2 voti contrari.

“Sono considerato un consigliere scomodo – attacca Miceli a Nebrodi News -. Ricorrerò al Tar di Catania perché questo atto è illegittimo e immotivato. Peraltro la delibera di decadenza è immediatamente applicabile. Hanno calpestato ogni norma di buona amministrazione”. 

Perché considera questa decadenza illegittima?

“Tutto nasce dalla seduta del 3 ottobre scorso quando ho chiesto che venisse fatta una integrazione ad una delibera. Per tutta risposta il presidente Russo mi ha tolto la parola e ha detto alla segreteria di non riportare sul verbale le mie dichiarazioni. Per questo io e gli altri due consiglieri di minoranza abbiamo deciso di abbandonare l’Aula per protesta fino a quando il presidente del consiglio non si fosse impegnato a rispettare i diritti della minoranza. Una protesta la nostra politica. Abbiamo detto chiaramente che non saremmo andati più in Aula”.

Cos’è successo dopo?

“Dopo quella seduta ci sono state altre due convocazioni a cui non abbiamo partecipato sempre per protesta. La terza convocazione, quella del 2 febbraio, è stata convocata come seduta straordinaria con all’ordine del giorno: “Comunicazioni del sindaco”. Io purtroppo per motivi familiari non sono andato mentre gli altri due consiglieri hanno partecipato. Da lì è scattata la decadenza per non avere partecipato a tre sedute consecutive. In pochissimi giorni hanno attivato la procedura”.

Perché si è arrivati a questo?

Leggi anche:  Longi: 50 anni di sacerdozio per don Giuseppe Prestimonaco

“Il motivo è semplice. Ho sempre denunciato, sin dal mio insediamento, l’occupazione del Comune da parte della Banca Credito Cooperativo che gestisce la tesoreria comunale. Proprio la delibera discussa il 3 ottobre trattava l’alto interesse, il 9,50%, che il Comune paga sulle anticipazioni di cassa. Un tasso d’interesse enorme, quasi usuraio. Questa sorta di occupazione di un Ente pubblico da parte di un soggetto privato è evidente dall’incompatibilità che esiste attualmente nel Comune di Longi. Infatti il sindaco Fabio è il fratello del Presidente del Consiglio di amministrazione della Banca, il vicesindaco è nipote di un componente del Cda della Banca, un assessore è coniuge di un funzionario della Banca, lo stesso presidente del Consiglio Comunale è dipendente della Banca. Questo sono cose che ho sempre denunciato, che ho sempre contestato e per questo hanno deciso di farmi fuori”.

Sembra un conflitto d’interesse…

“Esattamente. Infatti in una seduta il presidente ha prima sostenuto che paghiamo interessi esorbitanti e che “noi” mettiamo l’interesse alto. Ma di chi parla? Del Comune o della Banca?”.

Adesso cosa farà?

“Non mi fermerò certo qui. Intanto aspettiamo la sentenza del Tribunale di Patti a seguito di un ricorso fatto per per chiedere se il sindaco Fabio debba decadere dalla sua carica per incompatibilità, in quanto il fratello è il Presidente del Consiglio di amministrazione della Banca e ricorrerò al Tar di Catania contra la decadenza”.

0
condivisioni

Commenta con Facebook

Login Digitrend s.r.l