Una riunione operativa per chiedere una deroga alla nuova Rete ospedaliera, presentata la scorsa settimana dall’assessore Gucciardi, e per difendere gli ospedali di Sant’Agata e Mistretta.

E’ la richiesta dei sindaci, Carmelo Sottile e Liborio Porracciolo, primi cittadini, rispettivamente di Sant’Agata Militello e di  Mistretta, Comuni capofila, dei Distretti Sanitari 31 e 29, che tramite una lettera inviata a Presidenti e consiglieri comunali dei due Distretti sanitari; ai sindacati, Cgil, Cisl e Uil;  ai componenti  del tavolo tecnico Sanità  area interna  Nebrodi 3 ed alla Commissione Nebrodi dell’Ordine dei medici, hanno deciso di schierarsi a difesa degli ospedali dei loro Comuni.  

La riunione si terrà a Sant’Agata Militello, giovedì 6 aprile 2017 con inizio alle ore 16.00 nei locali del Castello GallegoL’assemblea viene convocata perchè sono ancora in corso le approvazioni di delibere di Giunte e Consigli comunali, aventi per oggetto: riordino e rifunzionalizzazione rete ospedaliera  Area interna  Nebrodi e la Regione Sicilia, a breve, trasmetterà al Ministero  della Salute la propria proposta di riordino della rete ospedaliera.

 “È necessaria ed urgente – scrivono Sottile e Porracciolo – richiedere la deroga per poter anticipare le disposizioni del Ministero che dovrà stabilire funzioni e servizi dei nostri ospedali che, al momento e, per l’ennesima volta, appaiono gravemente penalizzati. Provvedimenti in danno degli ospedali di Sant’Agata e Mistretta – concludono – renderanno vano qualsiasi tentativo riconosciuto dalla stessa Area Interna Nebrodi 3 che vede il nostro territorio ad altissimo rischio di spopolamento, marginalità e povertà“.

Leggi anche:  La Provola dei Nebrodi tra i formaggi D.O.P. siciliani