Sei piani per un’area complessiva di ottomila metri quadrati con 120 posti letto. E’ il nuovo centro di neuroriabilitazione “Nostra signora di Lourdes” dell’Oasi di Troina, centro medico-scientifico a livello internazionale nell’ambito dei disturbi del neurosviluppo, delle disabilità intellettive e dei disturbi neurocognitivi, che è stata inaugurato questa mattina.

A tagliare il nastro, assieme al presidente dell’istituto Oasi padre Silvio Rotondo, il governatore della Regione Siciliana Nello Musumeci. Il centro verrà benedetto dal vescovo di Nicosia Salvatore Muratore, alla presenza degli assessori regionali alla Famiglia e alla Salute, Antonio Scavone e Ruggero Razza, delle autorità civili, religiose, militari.

Il nuovo centro sorge in contrada San Michele, a ridosso della strada statale 575 verso Catania, adiacente alla cittadella dell’Oasi, per un investimento complessivo di oltre 8 milioni, ospita al piano terra attività di ricezione ambulatoriale e piscina riabilitativa, nei superiori 4 piani sono allocati 30 posti letto in stanze singole e multiple. L’ultimo piano ospita i servizi annessi al centro.

Per il governatore della Regione Nello Musumeci “l’Oasi è un orgoglio per la Sicilia perché questa struttura lo è già ma può diventare ancora di più un punto d’avanguardia nella eccellenza dei servizi neuro riabilitativi. La Regione per questo ci ha creduto e ci crede, e ha messo a disposizione decine e decine di milioni di euro e vuole sperare che diventi una sana contaminazione per le altre aree della Sicilia. E’ una tradizione solida, c’era il rischio di chiusura qualche tempo fa, e noi siamo passati dal rischio chiusura al rilancio dell’eccellenza per volontà ferma del governo regionale, che ha delegato all’assessore Razza il compito di poter curare il progetto di rinnovo della convenzione (decennale ndr) e quindi guardiamo avanti con rinnovata fiducia, con cuore e con il cervello”.

“Provo oggi un sentimento di speranza che voglio trasmettere a tutti – ha detto il presidente dell’Irccs Oasi di Troina Don Silvio Rotondo perché tanta gente nelle proprie case vive le malattie che noi curiamo con molta fatica, dolore e mancanza di speranza. All’Oasi si viene per rinascere anche come persona. Siamo più che in passato nell’’opportunità di poter offrire ancora meglio un servizio alla persona. Grazie all’intervento della Regione, che ha maggiormente consolidato il nostro percorso e che si aggiunge allo sforzo che abbiamo fatto per il completamento della nuova struttura , si po’ guardare con più speranza a tutto il territorio. Ringrazio la Regione e tutti coloro che si sono impegnati nella realizzazione di questo progetto”.

“L’Oasi di Troina è una grande ricchezza per la Sicilia e una straordinaria eccellenza del nostro territorio che la buona politica deve difendere e sostenere – ha commentato il sindaco Fabio Venezia Dopo l’istituzione del Corso di Laurea in Terapia occupazionale, oggi con l’inaugurazione del Centro di neuroriabilitazione Nostra Signora di Lourdes e la nuova convenzione decennale si segna una svolta importante per il futuro. Un grazie sentito a nome dell’intera comunità al Presidente Nello Musumeci, all’Assessore Ruggero Razza e a quanti hanno consentito di raggiungere questi importanti traguardi. Un ringraziamento particolare al Presidente don Silvio Rotondo, alle volontarie e ai dipendenti della struttura per il prezioso lavoro svolto anche nella sofferenza ma sempre a servizio dei più deboli. Infine un pensiero grato al grande padre Luigi Ferlauto: immagino la sua felicità e commozione nel vedere realizzarsi giorno dopo giorno l’opera profetica che lui e il suo Socio hanno concepito tanti anni fa”.

Leggi anche:  Troina, parcheggio a Parapià: i lavori a partire da marzo