Annullati gli arresti di 15 persone accusate nell’ambito dell’Operazione “Nebros II”. Lo ha deciso il Tribunale del Riesame di Caltanissetta che ha annullato le misure cautelari per Sebastiano Foti Bellingambi, Federica Pruiti, Giuseppe Foti Belligambi, Vita Cavallaro, Anna Maria Di Marco, Giovanni Foti Belligambi, Angioletta Triscari Giacucco, Salvatore Armeli Iapichino, Sebastiana Bevacqua, Maria Cantali, Giuseppe Lupica Infirri, Santo Coma, Salvatore Lupica Infirri, Silvestra Calderaro, e Antonio Consoli.L’operazione Nebrodi II, sulla gestione mafiosa dei pascoli nella zona nebroidea condotta dalla Dda di Caltanissetta e dalla Guardia di Finanza di Nicosia, accusava gli indagati a vario titolo di turbata libertà degli incanti con l’aggravante mafiosa e abuso d’ufficio. Nella vicenda, risalente al 2015, ci sarebbe infatti anche lo zampino di Cosa nostra, che mirava al controllo dei pascoli nella zona del Parco di Nebrodi.

Secondo i magistrati della Dda nissena, si tratta di irregolarità nell’assegnazione di 16 lotti destinati ai pascoli, che venivano dati in affidamento dall’azienda speciale Silvio Pastorale del Comune di Troina. Secondo l’accusa l’affidamento degli appalti, nonostante fosse stata indetta una regolare gara, era praticamente pilotato per favorire gli indagati.

Leggi anche:  Castel di Lucio, denunciati quattro allevatori per reati in materia edilizia