Si sono concluse le procedure di gara all’Urega di Messina per i lavori di rifunzionalizzazione del percorso naturalistico della dorsale dei Nebrodinell’ambito del “Sentiero Italia”. Lo scrive il quotidiano La Gazzetta del Sud – edizione Messina in edicola oggi.

La commissione giudicatrice ha proposto l’aggiudicazione dell’appalto al raggruppamento temporaneo d’imprese So.Ge.Mar Costruzioni srl, impresa capogruppo, con sede a Favara (Co.Fer. srl mandante, ausiliari Consorzio stabile Appalti Italia e Goffredo Michele), che ha presentato un ribasso del 13,24 % rispetto all’importo a base d’asta di 3.903.024,11 euro, ottenendo una valutazione complessiva, tra offerta tecnica, economica e tempo di esecuzione, pari a 83,65 punti. I lavori sono stati quindi aggiudicati per 3.420.088,84 euro, di cui poco più di 33 mila euro per oneri di sicurezza.

Il progetto da cinque milioni di euro per la rifunzionalizzazione del tratto Portella Mitta – Portella Femmina Morta – Serra Merio predisposto dal Parco dei Nebrodi prevede sessantaquattro chilometri di sentieri per valorizzare la ‘dorsale dei Nebrodi’, che da Floresta va Mistretta. Si tratta di opere di ingegneria naturalistica, senza modificare né la percezione del paesaggio nella sua integrità storico-culturale, nè alterare la biodiversità dell’area di intervento.

L’opera, finanziata dall’assessorato regionale del Territorio e ambiente, nasce d’intesa  con i Parchi regionali, l’Azienda foreste demaniali e il Club alpino come appendice del “Sentiero Italia” nel territorio siciliano. Il progetto prevede la sistemazione degli attraversamenti dei valloni, con passaggi a sfioro realizzati in pietra locale, il ripristino dei muretti a secco esistenti, la regimentazione delle acque meteoriche, la posa in opera delle staccionate mancanti o divelte. Sarà migliorato anche l’attuale sistema di segnaletica e cartellonistica, cercando di uniformare e di rendere universale il sistema di lettura.

Leggi anche:  I Giganti di Mistretta parteciperanno al prossimo Festino di Santa Rosalia