Poste Italiane stringe la mano al “più piccolo Comune del Mezzogiorno d’Italia”. E’ stato infatti inaugurato a Roccafiorita il primo Atm Postamat dell’ufficio postale, alla presenza dell’assessore Maria Concetta Cacopardo e del direttore della filiale di Messina 1 di Poste Italiane Fabio Piazza.

L’antico borgo di montagna all’interno della Valle D’Agrò, amministrato dal sindaco Concetto Orlando, è popolato da 186 residenti, seppur sulla carta. Sono infatti solo un centinaio o poco più gli abitanti che hanno scelto di restare nel paese dell’entroterra messinese, dedicandosi in prevalenza al lavoro dei campi, tra piccole aziende agricole e di allevamento.

Nel comune meno popolato ed esteso di tutta la Sicilia mancano la scuola, la farmacia e anche il supermercato. I suoi abitanti fanno spesso la spola verso la vicina Limina distante una manciata di chilometri o in direzione della più grande Santa Teresa di Riva. Eppure Poste Italiane verso Roccafiorita, e in generale verso i comuni sotto i 5.000 abitanti, ha assunto una serie di impegni confermati in occasione del secondo incontro dello scorso ottobre con i “Sindaci d’Italia”, ribadendo così la presenza sul territorio quale asset strategico di fondamentale importanza. Non solo la decisione di mantenere tutti gli uffici postali presenti nei piccoli comuni ma anche una serie di attenzioni che a Roccafiorita si sono tradotte nel servizio wi-fi gratuito in ufficio postale, un nuovo impianto di telecamere per la sicurezza e il nuovo Postamat di via Francesco Bonanno.

In Sicilia è proprio Messina, particolarmente estesa e articolata, la provincia interessata dal maggior numero di interventi di Poste Italiane nei piccoli comuni, con l’installazione di 20 atm Postamat di cui ben 8 in paesi prima sprovvisti, l’eliminazione di oltre 40 barriere architettoniche, il collegamento di circa 100 spot wi-fi negli uffici postali e oltre 120 impianti di videosorveglianza.

A Roccafiorita lo sportello automatico di nuova generazione posizionato accanto all’ingresso dell’ufficio postale è il nuovo atteso arrivato in paese e ha destato la soddisfazione dei residenti del piccolo comune, dove Poste Italiane è l’unico presidio finanziario. L’atm consente ad abitanti e turisti di effettuare prelievi, interrogazioni, ricariche e pagamenti delle principali utenze, rappresentando di fatto solo l’ultimo degli interventi che Poste ha realizzato a Roccafiorita.

Oggi tradizione e innovazione scandiscono una volta di più la vita del più piccolo paese a sud dello Stivale. Quest’estate è stato appeso con orgoglio l’ultimo fiocco per segnare l’arrivo di un nuovo abitante. E’ stata festa per tutti, e a suo nome in ufficio postale è stato emesso il sempre amato buono fruttifero postale.

Leggi anche:  Polizia, Messina: il questore Cucchiara lascia, arriva Finocchiaro