martedì - 23 ottobre 2018
 
x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

Avrebbe sottratto circa 20 mila euro di energia

Reitano, arrestato per furto di energia elettrica il gestore di un agriturismo

0
condivisioni

E’ stato arrestato, in flagranza di reato, il titolare di un agriturismo di Reitano che, servendosi di un grosso magnete, era riuscito ad alterare il profilo dei consumi mensili del contatore di energia elettrica che serve la propria struttura ricettiva. Si tratta di D.S., 51 enne, già gravato da precedenti di polizia, il quale, ora, dovrà rispondere di “furto aggravato”.

L’anomala trasmissione dei dati di consumo e delle informazioni diagnostiche al centro di lettura e di fatturazione ha dato il via all’operazione, scattata nella mattinata di ieri. I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Mistretta, avvalendosi dei tecnici della E-distribuzione del Gruppo Enel per verificare eventuali anomalie e fare una precisa analisi dei consumi, hanno accertato la presenza del  potente magnete, posto sul contatore, il quale generava un errore sulla lettura dell’energia consumata del –93 %.

Un errore che, secondo le stime dei tecnici, avrebbe consentito la sottrazione indebita di  energia elettrica che, in termini economici, si aggira intorno ai 20.000,00 euro l’anno. La potente calamita, che era stata abilmente occultata in una scatola in plastica con sigilli in piombo e viti assicurate da ceralacca in modo da sembrare, ad un occhio poco attento, parte integrante del sistema di distribuzione e misurazione fornita dalla stessa società del gruppo Enel, aveva il compito di far rilevare al contatore un parziale consumo di energia elettrica disallineando il rapporto dati tra la corrente realmente consumata e quella registrata.

Il magnete è stato sequestrato e l’uomo arrestato. Dopo le formalità di rito, su disposizione del Sostituto Procuratore della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Patti, Giorgia Orlando, il 51 enne è stato sottoposto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione, in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto e del rito direttissimo.

Leggi anche:  Violentò la figlia minorenne, condannato padre "orco" santagatese
0
condivisioni

Commenta con Facebook

Login Digitrend s.r.l