Presenti per l’occasione, infatti, il sindaco Salvatore Sidoti Pinto, il vicesindaco Benedetto Reale ed il giovane socialista Salvatore Di Bartolo. “Siamo onorati di rappresentare la nostra comunità in questa importante occasione di commemorazione ma anche di riflessione circa una figura quale quella di Bettino Craxi”, ha affermato il primo cittadino del centro nebroideo. Gli fa eco il dott. Di Bartolo: “Siamo gratificati del senso di appartenenza verso la nostra San Fratello che Stefania Craxi ha dimostrato pubblicamente in più occasioni durante la nostra permanenza tunisina. Aver potuto partecipare alle celebrazioni per il ventennale della scomparsa di un grande italiano quale fu Bettino Craxi è stato per noi un immenso privilegio”. 

Entusiasta il promotore dell’iniziativa Di Bartolo: “Nel ventennale della morte di Bettino Craxi ritengo che un gemellaggio tra i nostri comuni possa rappresentare un’importante occasione per rendergli omaggio e per rinvigorire i rapporti tra le nostre terre. Sono certo che Bettino sarebbe stato favorevole, lui che ha visto il nostro paese come guida per i popoli immersi nel Mediterraneo. Quindi quale migliore occasione per onorare la memoria ed il pensiero di un grande italiano, statista sopraffino e leader carismatico quale l’ex segretario del PSI”.

Leggi anche:  E' emergenza idrica sui Nebrodi: rubinetti a secco in molti Comuni