La Comunità parrocchiale di Santo Stefano di Camastra si prepara ad accogliere padre Antonello Cadeddu, sacerdote carismatico di origine sarda ma che da 15 anni vive da missionario in Brasile dove ha fondato il Movimento Ecclesiale “Alleanza di Misericordia” che accoglie e unisce uomini e donne, celibi e sposati, consacrati e laici, che in forme e livelli diversi, chiamati da Dio, diventano “figli della misericordia” per portare l’annuncio del Vangelo alle pecorelle perdute.

Il Movimento realizza diverse opere sociali, rivolte soprattutto alla popolazione bisognosa delle periferie e ai poveri che vivono sulla strada. Quest’unione armoniosa di evangelizzazione e carità sono quindi due facce della stessa medaglia.

Il carisma e la spiritualità del Movimento nascono dal Cuore misericordioso di Gesù e muovono tutti i membri all’incontro col cuore di ciascun povero, bisognoso sia dal punto di vista materiale che spirituale. “Alleanza e Misericordia” ha sede nell’Arcidiocesi di San Paolo del Brasile, è presente in 46 città del Brasile oltre che in Italia, Belgio, Polonia e Portogallo.

Padre Antonello Cadeddu si fermerà nella “Città delle ceramiche” giovedì 10 e venerdì 11 maggio prossimi. I due giorni del sacerdote carismatico saranno molto intensi poiché è previsto un fitto calendario di impegni che prevede: Giovedì 10 maggio: – ore 19,00 celebrazione della S. Messa nella Chiesa Madre; ore 21,00 Adorazione eucaristica con preghiera d’intercessione, di guarigione per i sofferenti nel corpo e nello spirito, nella Chiesa. Madre. Venerdì 11 maggio: ore 19,00 S. Messa in Chiesa Madre e a seguire l’incontro con i giovani che
si preparano a ricevere il Sacramento della Cresima.

Per il parroco stefanese don Calogero Calanni, che fortemente ha voluto la visita del carismatico, la presenza di padre Antonello rappresenta un’importante occasione di grazia alla quale invita tutti a partecipare per accogliere i Doni dello Spirito Santo che in maniera copiosa effonde e continuerà ad effondere nella nostra Comunità.

Leggi anche:  Giornale di Sicilia, altri tre giorni di sciopero. Il comunicato del Cdr