Sono stati eseguiti i lavori di riqualificazione del muro di cinta dell’Istituto Comprensivo di Santo Stefano di Camastra. Si tratta di un’opera, che è servita a dare una nuova immagine ad un area molto importante essendo una zona molto frequentata da bambini, in un quartiere, fino a poco tempo fa, abbandonato nel degrado.

Un impegno assunto dall’assessore Santo Rampulla che inizia, mano mano, a concretizzarsi. Si è cominciato con la potatura degli alberi e la pulizia delle aiuole, ma è chiaro che ci sarà ancora molto altro da fare prima dell’inaugurazione. Il lavoro eseguito da Adolfo Susio, un appassionato di Street Art, ha ripreso i dodici punti della Costituzione italiana, come prevedeva la proposta che era stata formulata da parte di alcuni componenti del Consiglio d’Istituto.

Questa iniziativa si inserisce nel contesto di riqualificazione e rilancio della Scuola stefanese, che attraverso una serie di iniziative, intende offrire nuove opportunità ai propri ragazzi che frequentano i corsi di studi statali. “Il nostro impegno è massimo – ha dichiarato la dirigente scolastica Giovanna Di Salvo -. Cercheremo di dare una ventata di novità e nuova linfa all’Istituto proponendo ai nostri ragazzi nuove opportunità in grado di richiamare i loro interessi, anche perché il modo di fare scuola è cambiato e noi dobbiamo adeguarci ai nuovi sistemi d’insegnamento”.

Leggi anche:  Il generale stefanese Angelosanto nuovo capo dei Ros