martedì - 12 dicembre 2017
 
x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

Per fare rete tra le città di origine di Sciascia, Consolo e Bufalino

Un protocollo d’intesa tra Comiso, Racalmuto e Sant’Agata Militello

0
condivisioni

Un Protocollo d’intesa tra i comuni di Comiso, Racalmuto e Sant’Angata di Militello per fare rete tra le città di origine dei grandi scrittori ed amici Gesualdo Bufalino, Leonardo Sciascia e Vincenzo Consolo. E’ stato firmato ieri nella Pinacoteca della Fondazione Bufalino di Comiso dai sindaci Filippo Spataro, Emilio Messana e  Carmelo Sottile,  al fine di creare di un itinerario culturale letterario legato alle figure dei tre grandi scrittori siciliani.

L’iniziativa,  che aveva avuto origine il 18 febbraio scorso in occasione dell’intitolazione della Piazza e della sala letteraria al Castello Gallego dedicata a Vincenzo Consolo, ha trovato subito il riscontro dei Comuni di Comiso e Racalmuto, con questo primo momento istituzionale di sottoscrizione di un documento unitario che vede i comuni intenti a seguire un percorso di progetti e programmi mirati  ad iniziative di spessore ed un itinerario  legato alle figure degli scrittori attraverso l’investimento, quanto più possibile soprattutto nella cultura, quale strumento di crescita e sviluppo territoriale di buon auspicio per il futuro delle nostre comunità e della nostra Sicilia.

Il prossimo appuntamento si svolgerà nel mese di novembre a Racalmuto, paese di Leonardo Sciascia, dove si riuniranno i sindaci ed i membri del comitato di programmazione e controllo e si procederà al coinvolgimento del partenariato privato che garantirà l’elemento di continuità di questo ambizioso ed importante progetto. L’Associazione amici di Vincenzo Consolo coordinatore  per Sant’Agata,  Claudio Masetta e il  Centro studi Pio la Torre di Palermo , presidente  Vito lo Monaco, destinatario dell’ultimo componimento di Vincenzo Consolo “Pio La Torre. Orgoglio di Sicilia: atto unico” saranno il motore propulsore delle attività che si avvieranno per la valorizzazione di Vincenzo Consolo  in questo percorso comune con le città di Comiso e Racalmuto.

Dopo i saluti istituzionali dei sindaci Filippo Spataro, Emilio Massana e Carmelo Sottile, sono intervenuti: Renato Meli, presidente della fondazione Bufalino, Maria Giovanna Lauretta, presidente del Lions Club Comiso Terra Iblea, Nunzio Zago, direttore scientifico della fondazione Bufalino, Salvo Picone, assessore alla cultura del comune di Racalmuto, e Melinda Recupero, assessore alla cultura del comune di Sant’Agata di Militello. I lavori sono stati coordinati da Gigi Bellassai, presidente del Consiglio comunale di Comiso e promotore dell’iniziativa.

Leggi anche:  Stop al mutuo del Credito Sportivo, a rischio impianti sportivi di Sant'Agata

Il sindaco Carmelo Sottile e l’assessore Melinda Recupero hanno ringraziato le amministrazioni di Comiso e Racalmuto “per l’importante ed essenziale contribuito che ci ha portato a formalizzare un protocollo di intesa tra i nostri Comuni, e che ci consentirà di programmare, in piena sinergia, attività correlate ai nostri tre cari letterati Sciascia, Consolo e Bufalino”.

Alla fine nel momento degli scambi dei regali di rito (per conto del comune di Sant’Agata l’ultimo edito di Vincenzo consolo” Cosa Loro” ed il libro “Agathà”)  il sindaco e l’assessore  hanno dichiarato:
“Abbiamo apprezzato  particolarmente la Vostra presenza per l’intitolazione della piazza centrale della nostra Città a Vincenzo Consolo, perché è stata costruttiva e indispensabile per l’inizio del nostro progetto comune. Siamo certi che dopo l’incontro di oggi seguiranno giorni di intensa attività e coinvolgimento, che sicuramente daranno vita ad un proficuo confronto ed un interessante scambio di idee che darà un valore aggiunto al nostro progetto”.

0
condivisioni

Commenta con Facebook

Login Digitrend s.r.l