sabato - 26 maggio 2018
 
x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

Scuola, Patti: giudice del lavoro blocca trasferimento straordinario

0
condivisioni

Il giudice del tribunale di Patti, Sezione Lavoro,  Fabio Licata, con ordinanza ha accolto la domanda cautelare promossa da un’insegnante  di Santo Stefano di Camastra,   ingiustamente   trasferita   in un ambito della Toscana a seguito della mobilità straordinaria 2016  e che, grazie al suddetto provvedimento giudiziario,  potrà rientrare  in provincia di Messina.  [sam_pro id=”1_1″ codes=”true”]

Avvocato. Santina Franco

Avvocato. Santina Franco

Tra i motivi di illegittimità dedotti dalla ricorrente,  dirimente è stato considerato dal giudice  quello relativo alla mancanza di “rispetto del principio di precedenza di cui all’art. 13 comma 1 n. 4 del contratto sulla mobilità” con la grave conseguenza di una “ inammissibile disgregazione dell’unità del proprio nucleo familiare” che rappresenta  un danno non ristorabile, grave ed irreparabile, così come prospettato dall’avvocato Santina Franco – studio Di Salvo- del foro di Patti (nella foto), che da anni si occupa di problematiche inerenti il diritto scolastico, che ha patrocinato la causa su incarico della ricorrente.

  L’insegnante in questione,  Infatti,  essendo   coniuge di personale militare in servizio,  avrebbe avuto diritto  per legge alla precedenza nel trasferimento in  un posto vacante esistente  nella medesima sede di servizio del coniuge o comunque in una  viciniore,   ma tale circostanza, unitamente al cospicuo punteggio accumulato in oltre 15 anni di servizio cosiddetto  pre-ruolo, è stata  assolutamente trascurata nel corso delle operazioni di mobilità caratterizzate da un intreccio incomprensibile di fasi e sottofasi, che hanno condotto all’attribuzione dei posti in modo totalmente avulso dal criterio  trasparente  della meritocrazia e dei punteggi, con evidente e pacifica violazione dei principi di rango costituzionale di buon andamento ed imparzialità dell’azione amministrativa.

Le gravi situazioni di illegittimità che sono scaturite dalla mobilità straordinaria di cui all’O.M. 241/2016 da più parti viene sanzionato, grazie anche al coraggio di  quegli  insegnanti che, avendo lottato  per anni  ed anni al fine di potere mettere  la propria firma sul contratto a tempo indeterminato e la parola fine all’ormai insopportabile situazione di  precariato storico,  hanno deciso di non subire un’ altra ingiusta soppressione dei propri diritti dovuta ad un provvedimento scriteriato ed illegittimo e hanno deciso di impugnarlo, per non essere costretti ancora una volta a dovere  barattare  diritti inviolabili come l’unità e la serenità delle proprie famiglie.

Leggi anche:  La Provola di Casal Floresta
0
condivisioni

Commenta con Facebook

Login Digitrend s.r.l