domenica - 04 dicembre 2016
 
#noccioleti#Nebrodi#Galati Mamertino#Castel di Lucio#Calogero Emanuele
x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

Terreni in mano alla mafia: il Tar conferma le interdittive

Giuseppe Antoci, presidente Parco dei Nebrodi
0
condivisioni

image

Dopo la conferma, da parte del T.A.R., delle interdittive antimafia emesse dalla Prefettura di Messina e finalizzate ad evitare il condizionamento nella gestione di terreni collegati alla concessione di consistenti finanziamenti europei, si apre un nuovo capitolo per le vicende connesse alle azioni  di ripristino della legalità nel settore agricolo.
Con un provvedimento che, in modo inequivocabile, riconosce la titolarità e la legalità dell’azione amministrativa finalizzata a contrastare i tentativi di infiltrazione
mafiosa, ecco così disarcionate le associazioni mafiose che lucravano da anni sui finanziamenti europei.
Questa è l’antimafia dei fatti, dell’impegno concreto commenta Giuseppe Antoci, Presidente del Parco dei Nebrodi che insieme al Prefetto di Messina Stefano Trotta ha creato e stipulato   un esclusivo  protocollo d’intesa, lo stesso allargato poi dal Presidente Crocetta agli Enti regionali, contenente precise linee guida per  contrastare i tentativi di infiltrazione mafiosa nelle procedure di concessione a privati di beni compresi nel territorio del Parco e che,  sin dall’insediamento alla guida dell’Ente Antoci, su input del Questore di Messina Giuseppe Cucchiara, aveva denunciato insieme al Sindaco di Troina Fabio Venezia.
Siamo  consapevoli di aver creato i presupposti per il ripristino della legalità sul territorio e di essere stati i precursori  sull’argomento: l’attenzione – ormai nazionale – sulla delicata questione ci conferma l’importanza del nostro protocollo di legalità. Oggi,  i recenti provvedimenti, ci danno la prova della gravità dei tentativi di infiltrazione per accaparrarsi illecitamente i finanziamenti europei che si aggiravano in milioni di euro l’anno e dunque, anche la prova, della necessità impellente di ripristinare le condizioni  di sicurezza a tutto ciò collegate.
Anche la Regione Calabria si sta organizzando in materia, prevedendo nelle procedure di assegnazione dei terreni, gli stessi criteri già adottati dal Presidente Antoci e dal Prefetto Trotta e che di fatto, hanno innalzato i metodi di controllo e repressione di specifici reati.
La conferma del nostro operato ci permette oggi di continuare con più forza nel nostro impegno, per ripristinare  la legalità e ridare i terreni ai giovani siciliani onesti affinché i contributi europei, ad essi collegati, possano diventare occasione di sviluppo e di crescita e non invece occasione di finanziamento per la criminalità,conclude Giuseppe Antoci.

0
condivisioni

Commenta con Facebook

Login Digitrend s.r.l