L’amministrazione comunale di Troina, con delibera di giunta inviata al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministero dell’Interno, alla Presidenza della Regione Siciliana, al Dipartimento della Protezione Civile Sicilia ed al Prefetto di Enna, ha chiesto lo stato di calamità naturale, a seguito delle avverse condizioni meteorologiche dei giorni compresi tra il 30 ottobre e il 3 novembre scorso. L’eccezionale ondata di maltempo, che con violente piogge e forti venti si è abbattuta sul territorio comunale, ha infatti creato ingenti danni alla viabilità urbana e rurale, alle pendici e al sistema torrentizio, alle colture e alle infrastrutture rurali, nonché agli edifici pubblici. Le numerose le segnalazioni pervenute nei giorni scorsi da cittadini e imprese, che hanno denunciato danni di varia natura, e le conseguenti gravi perdite che subiranno le aziende agricole locali, con il rischio del tracollo del comparto produttivo, hanno spinto l’amministrazione a chiedere l’adozione di misure straordinarie, per fronteggiare la gravità della situazione verificatasi.

Leggi anche:  Troina, contributo dell'Inner Sheel all'Oasi per acquistare un climatizzatore