Condotte idriche danneggiate per tentare di fare morire di sete 19 cavalli della pregiata razza San Fratello, altri equini e bovini introdotti illegalmente nella zona protetta, lucchetti dei cancelli rotti con la ‘fuga’ di una ventina dei 104 asini di Chiaramonte Gulfi allevati sui Nebrodi, pochi dei quali recuperati. Sono gli ultimi episodi criminali della mafia dei pascoli contro il progetto ‘Legalità di razza’ promossa dall’Azienda Speciale Silvo Pastorale e dal Comune di Troina in terreni sottratti alla criminalità organizzata.

A sostegno dell’iniziativa del sindaco del comune dell’Ennese, Fabio Venezia, e del direttore dell’Azienda, Angelo Impellizzeri, l’associazione antiracket Asaec e quella per la produzione biologica Aiab hanno promosso per domenica prossima una “manifestazione popolare di agricoltori, lavoratori e cittadini” che si terrà alle 11 in piazza Borsellino Falcone di Troina. In una nota gli organizzatori sottolineano il lavoro svolto da Venezia e Impellizzeri che si “stanno prodigando per la valorizzazione etica, solidale ed agroecologica dell’azienda dopo averla sottratta, col pericolo delle proprie vite, alla mafia che se ne era impossessata da decenni”.

“Il percorso virtuoso dell’amministrazione comunale di Troina per la riappropriazione e la gestione pubblica dei beni di quel territorio, va difeso. Gli episodi di intimidazione, l’ultimo quello verificatosi nei giorni scorsi a danno dell’Azienda silvopastorale, non vanno sottovalutati e richiedono una grande mobilitazione. Anche per questo domenica sarò presente all’iniziativa prevista per manifestare il pieno sostegno mio e della Commissione Antimafia  ai processi virtuosi di riappropriazione pubblica di un territorio per troppi anni piegato da interessi mafiosi e criminali”. Lo ha dichiarato il presidente della Commissione regionale antimafia, Claudio Fava.

Leggi anche:  Deteneva un fucile con matricola abrasa, arrestato un uomo di Motta D’Affermo