I titolari delle attività commerciali, artigianali e di somministrazione di alimenti e bevande operanti sul territorio comunale non potranno distribuire ai clienti sacchetti per la spesa in polietilene, né utilizzare contenitori e stoviglie monouso non biodegradabili in occasione delle feste pubbliche e delle sagre. È quanto prevede la nuova ordinanza sindacale, emanata dall’amministrazione comunale di Troina,  volta alla minimizzazione dei rifiuti, all’incremento della raccolta differenziata e alla riduzione dell’impatto ambientale, che entrerà in vigore a partire dal mese di maggio prossimo.

“Sensibili alle tematiche ambientali, tra i pochi comuni siciliani e primi della Provincia di Enna – spiega il sindaco Fabio Venezia – , abbiamo voluto anticipare l’entrata in vigore delle direttiva europea prevista per il 2021. È un gesto di civiltà, che ha l’obiettivo di sensibilizzare la comunità, fino ad arrivare alla completa eliminazione dei materiali plastici inutili e dannosi per l’ambiente”.

In applicazione ai divieti, ai titolari delle attività commerciali sarà infatti consentito di distribuire ai propri acquirenti cotton fioc, posate, piatti, bicchieri e sacchetti monouso esclusivamente in materiale biodegradabile e compostabile. Stessa disposizione per gli enti e le associazioni che distribuiscono prodotti a turisti e visitatori in occasione di sagre, feste e manifestazioni pubbliche, nonché per i distributori automatici di bevande e per le mense scolastiche e le strutture sanitarie e assistenziali della città. Ai trasgressori dell’ordinanza, sarà applicata una sanzione amministrativa compresa tra 25 e 500 euro. 

Leggi anche:  Comincia la corsa di Fabio Venezia, inaugurato il primo comitato