martedì - 24 ottobre 2017
 
x

Selezionati per te (1 di 1 articoli):

<< >>

Il “Penalty Awards” è l’esclusivo appuntamento dedicato al calcio dilettantistico

Troina, Giuseppe Pagana è il “Miglior allenatore della categoria Eccellenza”

0
condivisioni

Si è svolta ieri, lunedì 12 giugno, al teatro “Nino Martoglio” di Belpasso, la quarta edizione del Penalty 2017 Awards. Durante la cerimonia Giuseppe Pagana, allenatore dell’Asd Troina, è stato premiato come “Miglior allenatore della categoria Eccellenza per la stagione 2016-2017”.

19030429_1917143605219036_6338963639484710189_n

Il “Penalty Awards” è l’esclusivo appuntamento dedicato al calcio dilettantistico; la manifestazione, ideata, curata e condotta da Ettore Tortorici, ogni anno assegna dei riconoscimenti a quanti si sono particolarmente distinti, non solo nel calcio, ma anche in altri ambiti. Il progetto dei “Penalty Awards” è una costola del noto programma televisivo sportivo “Penalty”.

L’evento, giunto al quarto anno, coniuga sport, arte, cultura e solidarietà. La kermesse, infatti, prevede anche momenti di spettacolo con esibizioni artistiche musicali e performance di danza. In ambito calcistico sono tre le categorie del calcio non professionistico su cui viene posta l’attenzione: l’Eccellenza, la Promozione e la Prima Categoria. Ad essere premiati sono stati: il miglior portiere, il miglior difensore, il miglior centrocampista, il miglior attaccante, il miglior allenatore e il miglior dirigente. Mister Pagana, in nomination per il titolo insieme ai colleghi Massimiliano Mazzara della Polisportiva Paceco e Giuseppe Strano del Palazzolo Calcio, ha sbaragliato gli avversari e si è aggiudicato il titolo di “Miglior allenatore della categoria Eccellenza per la stagione 2016-2017”.

La scelta del vincitore non era semplice, infatti, tutti e tre i tecnici si sono distinti durante la stagione calcistica, da poco conclusasi, per aver guidato con successo le loro compagini alla promozione in serie D. Pagana, però, ha potuto vantare altri titoli nel suo brillante curriculum da allenatore: la vittoria della coppa Sicilia e la disputa della finale di Coppa Italia Dilettanti con il conseguente titolo di vice campioni d’Italia e l’accesso in quarta serie; titoli che hanno fatto la differenza.

Leggi anche:  Calcio, ottimo esordio per il Troina in serie D

Giuseppe Pagana è, senza alcun dubbio, l’allenatore che ha fatto la storia del Troina Calcio; infatti, in soli tre anni insieme al lavoro svolto dallo staff tecnico, all’impegno dei calciatori e al sostegno del patron Giovanni Alì, è riuscito a far fare alla squadra due salti di categoria, dal campionato in promozione nel 2015, al primo campionato in serie D della prossima stagione.

“Dietro i risultati positivi di una squadra c’è un grande allenatore – si legge sulla pagina ufficiale della Società -, che con impegno, determinazione e competenza riesce a trasmettere la sua passione per il calcio. Un tecnico come Giuseppe Pagana, che da calciatore è diventato allenatore, non smette di avere la stessa voglia di vincere e far bene. Un tecnico esemplare, stimato e rispettato da chiunque incroci il suo cammino. Un uomo che ha fatto della sua più grande passione, un lavoro. Un mister amico, compagno e maestro per tutti i calciatori che hanno avuto la fortuna di far parte della sua squadra. Un ottimo elemento per la società. Pagana è il cuore pulsante della Troina sportiva. Complimenti mister Pagana.”

Mister Pagana affida ai social il suo pensiero e la gioia per tale riconoscimento. “Quando hai la fortuna di fare della tua passione il tuo lavoro e gli altri riconoscono in te grandi qualità, a tal punto di considerarti il migliore…Grazie!!! Grazie a chi ha reso possibile tutto ciò; ovvero ai miei ragazzi, gruppo unico e straordinario, fatto da uomini veri. Grazie al mio staff che mi ha supportato e a volte sopportato. Grazie a quel gruppo di dirigenti (Dario Dell’arte, Silvano Mare, Salvatore Plumari, Alessandro Trovato, Pietro Dell’arte, Carmelo Leanza, Matteo Sassano)che con il proprio impegno e sostegno mi hanno aiutato lungo questo percorso. Grazie a quei tifosi (qualcuno speciale) che sempre mi hanno sostenuto e incitato senza mai farmi mancare il loro sostegno e il loro calore. Grazie a colui che più di tutti ha creduto in me il “Presidentissimo” Giovanni Alì (anche quando non era facile farlo), colui che mi ha affidato il compito di realizzare il suo e il nostro sogno. Grazie, questo non è il mio premio, è il nostro premio!!!”.

0
condivisioni

Commenta con Facebook

Login Digitrend s.r.l