“Siamo molto felici e molto orgogliosi di annunciarvi che la Sicilia conta un teatro antico in più… è qui… a Halaesa / Tusa e l’abbiamo finalmente trovato!”. A scrivere sono i ricercatori della missione archeologica francese che hanno creduto e voluto scavare nell’antica città di Haalesa, l’attuale Tusa, in provincia di Messina.

Dopo un anno di lavoro e diversi sondaggi, effettuati anche con numerosi strumenti scientifici all’avanguardia, si è arrivati alla prova «finale»: scavare con una pala meccanica una grande trincea lunga più di 50 metri e larga due metri. Così sono tornati alla luce una seduta della cavea e il muro che delimitava il piano dell’orchestra fiancheggiato da un marciapiede. Il teatro si trova a valle dei cosiddetti «contrafforti» a posti a Nord dell’agorà, dove da molto tempo si riteneva potessero trovarsi i resti del teatro.

“Siamo in presenza di un esempio di proficua sinergia tra università francesi, inglesi e siciliane, istituzioni e governo regionale ed amministrazioni locali – dice il sindaco di Tusa Luigi Miceli –  finalizzata alla crescita e allo sviluppo del territorio, attraverso lo studio e la valorizzazione delle risorse archeologiche e culturali”.

Leggi anche:  Nebrodi, a Galati torna il Festival del giornalismo enogastronomico