A Naso la mostra sull’arte maiolicara dal Rinascimento ad oggi


Da qualche giorno il centro storico della Città di Naso ospita le manifestazioni dell’Estate 2021. Particolarmente coinvolgente, ed oltremodo interessante, si è rivelata l’iniziativa che ha permesso di spiegare le origini della ceramica nasitana. Alla presenza del maestro Pierluigi Scardino, di Antonello Pettignano della Sovrintendenza di Messina e della dott.ssa Vanessa Emanuele, psicologa e referente del progetto di inclusione sociale Pandora, è stata illustrata “l’Arte Maiolicara”. A fare gli onori di casa l’Assessore al Turismo e Cultura Rosita Ferrarotto ed il Presidente del Consiglio Comunale Giuseppe Randazzo Mignacca.  

“Puntiamo a conservare la memoria storica della maiolica nasitana, come è stata scoperta e tramandata – ha dichiarato l’assessore Ferrarotto – preziosa a tal proposito, la dimostrazione pratica del maestro nasitano Scardino. Inoltre, per arricchire la serata, abbiamo ospitato un tornitore ceramista di S. Stefano di Camastra che ha modellato dal vivo delle teste di moro”.

“Così facendo lanciamo un messaggio inequivocabile, ovvero: l’attualità dell’arte maiolicara dei Lazzaro (Girolamo, Giuseppe e Cono), vissuti in epoca rinascimentale. Queste iniziative – ha concluso il sindaco Gaetano Nanì – sono preziose per far comprendere ai giovani la valenza, in chiave turistica, del patrimonio culturale della nostra Città”.

La mostra di Pierluigi Scardino, è stata arricchita dalle note del sassofonista nasitano Basilio Mignacca. “Musica Leggerissima”, cartellone estivo 2021 della città di Naso, continuerà ad allietare le lunghe serate estive di residenti e non, fino al 29 agosto.

Dalla stessa categoria