A Piraino centro ha deciso la chiusura dell’Ufficio postale, lasciando aperto solo quello di Gliaca. Al sindaco, Maurizio Ruggeri, però questa soluzione non è piaciuta, così, questa mattina ha scritto proprio alla Società e al Prefetto di Messina. Con le restrizioni sociali, determinate dalle Istituzioni nazionali per la presenza del corona virus, la società Poste italiane, in diverse zone sta riducendo anche i servizi che eroga alla collettività.

“E’ una decisione incomprensibile, inaccettabile e pericolosa – scrive il primo cittadino pirainese – che obbligherà i cittadini della parte alta del comune, a doversi spostare a Gliaca. In questi giorni il disagio si accentua, perché le persone anziane, per ritirare la pensione, dovranno arrivare fino a Gliaca. Tutto ciò comporta anche una maggiore esposizione ai rischi di contagio”.

Il Sindaco Ruggeri ha chiesto di rivedere tale decisione e riaprire l’ufficio postale del centro storico, garantendo i servizi postali, finanziari e di prelievo, o comunque, di assicurare l’apertura per il pagamento delle sole pensioni, ponendo in essere così misure efficaci e idonee di contrasto al contagio da coranavirus e tutelando meglio le fasce più deboli della popolazione.

Leggi anche:  Coronavirus, primo caso positivo ad Acquedolci