Il consiglio comunale di Sant’Agata Militello ha approvato all’unanimità la proposta di riduzione della Tari predisposta dalla giunta, guidata dal sindaco Bruno Mancuso, e che prevede per tutte le attività commerciali (utenze non domestiche) interessate dal periodo di lockdown per l’emergenza sanitaria da Covid-19 la decurtazione della tariffa per tutto il periodo di chiusura, pari complessivamente a circa tre mesi (da marzo a giugno).

L’amministrazione, sulla scorta dei recenti provvedimenti emanati dall’ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente), ha, pertanto, stabilito di abbattere ulteriormente la tariffa, per una percentuale complessiva su base annua pari al 35% delle fatture, equivalente al 140% considerando solo il periodo di chiusura totale delle attività.

“Siamo soddisfatti per aver rispettato un preciso impegno preso nei mesi scorsi con i commercianti – dichiara l’assessore al bilancio Antonio Scurria riuscendo ad andare ben oltre il 100% di riduzione auspicato sin dall’inizio. Infatti, all’esenzione totale per i mesi di chiusura delle attività si aggiunge un ulteriore 10% su base annua che contribuirà ad alleggerire ancora di più la tariffa 2020 per tutte quelle attività colpite dall’emergenza coronavirus”.

Questa ulteriore misura si aggiunge a quelle già adottate dall’amministrazione comunale in relazione all’esonero del canone per occupazione del suolo pubblico (COSAP), recentemente prolungato fino a dicembre 2020, nonché agli ulteriori sgravi per l’utilizzo degli impianti sportivi comunali.

Leggi anche:  Sant'Agata, due arresti per esecuzione misure cautelari