È stato autorizzato nei giorni scorsi dalla Soprintendenza, il progetto preliminare” lavori di restauro e ripristino biologico dell’antico impianto denominato Castello Cupane, chiesa dell’Annunciazione o Badia, ad Acquedolci, nell’ambito del recupero dei manufatti storici e loro inserimento nel piano culturale e turismo, FSC 2014/2020.

La richiesta del progetto, inoltrata dal Comune di Acquedolci, guidato dal sindaco Alvaro Riolo, a firma dell’architetto Claudia Cantarella, ha trovato accoglimento.

Il progetto, valutato dalla Soprintendenza della Regione, prevede opere varie di recupero, per le quali ha ottenuto il parere favorevole sul progetto preliminare presentato ritenendolo meritevole di approvazione con la condizione che in destinazione d’uso,  resti di tipo culturale.

Grande soddisfazione è stata espressa dal vicesindaco Salvatore Oriti: “Adesso oltre alla grotta di San Teodoro, la nostra cittadina potrà vedere restaurato il castello, edificio simbolo per la nostra comunità”.