Acquedolci, ruba auto sfondando il cancello di una villa: arrestato 30enne


Si introduce dentro una villa di Acquedolci, ruba un’auto sfondando il cancello e si dà alla fuga ma i Carabinieri della Compagnia di Santo Stefano di Camastra, coordinati dal Capitano Adolfo Donatiello, lo arrestano in flagranza di reato accusandolo di furto aggravato di autovettura e danneggiamento.

Il protagonista è un giovane 30enne che ieri pomeriggio è riuscito ad entrare furtivamente all’interno di un’abitazione nel Comune acquedolcese e si è impossessato di una fiat 500L posteggiata nel cortile adiacente. Dopo aver sfondato il cancello di ingresso della proprietà si è dato alla fuga ma, braccato dalle serrate ricerche dei militari di Acquedolci e San Fratello, ha abbandonato l’auto notevolmente danneggiata lungo la SS. 289, e si è nascosto nelle campagne vicine. Rintracciato e tratto in arresto ha confessato il reato. La capillarità del controllo del territorio e le immediate indagini messe in capo dai Carabinieri hanno consentito di rintracciare il ladro. Il 30enne, a termine delle operazioni di rito, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato trasferito alla Casa Circondariale di Messina Gazzi in attesa di giudizio, mentre la Fiat 500L è stata restituita al legittimo proprietario.

L’incremento dei servizi di controllo, nell’ultimo periodo, da parte della Compagnia dei Carabinieri di Santo Stefano, non è passato inosservato. Tante le attività messe in campo, tra le quali qualche coordinamento che risponde, sia alle numerose istanze dei residenti, sempre in cerca di sicurezza, e sia all’esigenza di intensificare i controlli volti al rispetto del codice della strada e delle recenti prescrizioni in tema di prevenzione dal contagio di Covid-19.

Dalla stessa categoria