La notizia che è iniziata a circolare nella tarda serata di ieri, di un operatore del 118 in servizio a Palermo risultato positivo al Covid-19, è vera. Peccato, però, che chi ha pensato di farla circolare, e i mezzi d’informazione che l’hanno ripresa non facendo le verifiche necessarie, tralasciando un particolare sostanziale, ossia che l’operatore della Seus che era risultato positivo al Coronavirus non svolgesse mansioni nelle ambulanze o in altri mezzi di soccorso del 118 siciliano, hanno fatto una pessima informazione e generato una situazione d’allarme sia nella popolazione, che nel sistema di Emergenza sanitario, di suo stressato dal pericolo Coronavirus.

L’operatore risultato positivo al tampone è impiegato presso la direzione della Centrale operativa del 118 di Palermo quindi lontano da pazienti, familiari degli stessi e dalla intrecciata rete di urgenza emergenza. A scopo cautelativo, apprendiamo da un comunicato ufficiale della Seus e dalla viva voce del dottor Fabio Genco, direttore della Centrale Operativa 118 di Palermo e Trapani, sono già stati effettuati tamponi sul resto del personale della Centrale operativa che nei giorni scorsi sono venuti a contatto con lui: tutti con esito negativo, e sono state attivate immediatamente tutte le misure di sanificazione degli ambienti e di contenimento previste. Il dipendente della Seus è ora in quarantena domiciliare e versa in buone condizioni di salute.

Leggi anche:  Coronavirus, "portare fuori il cane rientra in situazioni necessità"