Riunito il Consiglio di Amministrazione della Banca del Germoplasma Vegetale dei Nebrodi, creata dall’Ente Parco  con il supporto tecnico e scientifico del dipartimento di Scienze Biologiche dell’Università di Palermo – socio del Consorzio della Banca – , per tutelare la biodiversità vegetale dei Nebrodi.

Il Consiglio di Amministrazione, composta da Felice Genovese, agronomo e Cristina Salmeri, professore associato di Botanica presso l’Università di Palermo, Dipartimento STEBICEF (Dipartimento Scienze tecnologie e chimica farmaceutica)  riunito in video conferenza per l’emergenza Covid, ha eletto all’unanimità il Presidente del Parco Domenico Barbuzza alla guida del Consorzio.

Barbuzza annuncia a breve un potenziamento della struttura. “La mia intenzione – dichiara il Presidente – è di allargare la base sociale, con l’ingresso delle Università di Messina e Catania, del C.R.E.A. – Consiglio per la ricerca in agricoltura –  e dei Comuni di Ucria e San Fratello, che  hanno già  dato disponibilità dei terreni per la realizzazione della Banca del Germoplasma”.

Nella foto: il Presidente Barbuzza durante la seduta in videoconferenza con il Direttore della Banca del Germoplasma Ignazio Digangi

Leggi anche:  Parco dei Nebrodi, designati vincitori del Premio internazionale Giuliano Sauli