“Abbiamo tenuto una proficua riunione con il Comune di Messina, Atm e Trenitalia per mettere finalmente a punto il biglietto integrato fra ferrovia, gomma e tram in riva allo Stretto, così come da impegno assunto dal Governo Musumeci. Stiamo ragionando su un biglietto da 100 minuti e su degli abbonamenti mensili, anche con la concreta idea di un intervento finanziario della Regione per rendere competitive le tariffe per gli utenti. A tal proposito, così come già fatto su altre tratte come la Modica-Caltanissetta e la Catania-Caltagirone, siamo pronti a impegnare i fondi derivanti dalle penali che abbiamo irrogato a Trenitalia a fronte di ritardi o disservizi. Il progetto è ora allo studio di tutti gli attori istituzionali, con l’intento di migliorare la qualità della vita dei messinesi, creare un sistema di mobilità integrato per la città e rilanciare la metroferrovia fino a Giampilieri”.

Lo afferma l’assessore regionale alle Infrastrutture e ai Trasporto Marco Falcone, a margine della riunione tenutasi oggi a Palermo sul progetto del biglietto integrato per i trasporti nella città di Messina. Presenti l’assessore comunale alla Mobilità Salvatore Mondello, il direttore della Direzione regionale di Trenitalia Silvio Damagini, il presidente di Atm Giuseppe Campagna.