Cacciavano nella zona D del Parco dell’Etna. Tre bracconieri sono stati sorpresi e denunciati da agenti del Corpo forestale della Regione Siciliana. Si è trattato di un’operazione congiunta portata a termine da uomini dei distaccamenti di Bronte, Maniace e Randazzo che hanno anche provveduto a sequestrare ai cacciatori di frodo i fucili e le munizioni, consegnate alla Procura della Repubblica di Catania per la convalida. Ai responsabili, inoltre, toccherà pagare un sanzione amministrativa che, complessivamente, ammonta a 1.856 euro.Un plauso per questa ennesima azione di contrasto al bracconaggio da parte della Forestale, arriva dal governatore Nello Musumeci e dall’assessore del Territorio e dell’ambiente Totò Cordaro. “È la conferma – sottolineano entrambi – di quanto sia preziosa la capillare presenza dei nostri agenti nelle aree boschive di tutta l’Isola. Il loro impegno rappresenta una costante garanzia per assicurare la legalità e proteggere il territorio da gente senza scrupoli”.

Leggi anche:  Incidente tra Brolo e Patti, muore una 51enne di Sant'Agata di Militello