Capo d’Orlando e Sant’Agata, mareggiate devastano i lungomare


A Capo d’Orlando e Sant’Agata Militello una mareggiata ha devastato i lungomare dei due Comuni dei Nebrodi. Il mare, in burrasca per via del maltempo e del forte vento che ieri si è abbattuto sulla Sicilia, ha invaso la strada, creando non pochi disagi alla viabilità.

Distrutta la piazzetta si teme ora che le prossime mareggiate possano addirittura inghiottire il tratto dell’adiacente lungomare Andrea Doria di Capo d’Orlando. La mareggiate di queste ore, che fortunatamente sta scemando, ha distrutto tutto quel che era rimasto intatto del muraglione di contenimento della piazzetta dopo la mareggiata di due anni fa. L’altra parte del muraglione, rifatto in massi, con un intervento tampone della Protezione Civile, è rimasto ancora in piedi. Le onde di un mare che ha raggiunto forza sette, oltre a demolire il muraglione e ad inghiottire parte del rilevato della piazzetta, ha distrutto un chioschetto di un bar con tanto di veranda nonché il dehors di un noto ristorante.

Interdetto il transito veicolare sul lungomare di Sant’Agata Militello a causa delle forti mareggiate che stanno sferzando il litorale tirrenico, con le onde che si riversano sin suina sede stradale portando una consistente quantità di pietre e detriti vari. La Polizia locale ha transennato stamani i varchi d’accesso al viale Pio La Torre, nel tratto compreso tra la rotonda di Piazzale Impastato e la Caserma dei Carabinieri, con il transito dirottato a doppio senso su via Cosenz. Fortunatamente non si sono registrati cedimenti in nessun tratto del lungomare. Allerta in particolare su villa Falcone e Borsellino e piazzale Impastato, interessato da gravi crolli lo scorso anno e già oggetto di un intervento tampone con massi di protezione.

Dalla stessa categoria