Il sindaco di Capo d’Orlando Franco Ingrillì smentisce la notizia, rilanciata da un blog locale, di un caso di positività al Covid-19 riguardante un dipendente di un locale pubblico del centro palatino posto sul lungomare Andrea Doria e chiuso da ieri.

“Le notizie che circolano in questo fine settimana creano allarme ingiustificato – scrive il primo cittadino sul suo profilo Facebook -. Chi fa informazione deve sapere che scrivere un articolo inesatto, anche e, soprattutto, in questo particolare periodo storico sull’argomento Covid, determina ansia e inquietudine e può generare una pericolosa psicosi. Tutti dobbiamo stare attenti ai comportamenti quotidiani, ancor di più chi ha il ruolo di informare. Ho sempre comunicato tempestivamente alla popolazione orlandina l’andamento dell’emergenza sanitaria sul nostro territorio, attraverso i social, in tv e con note stampa. E continuerò a farlo senza nascondere nulla, perché non è giusto nascondere informazioni di interesse generale su un tema così delicato quale la salute pubblica. Il dipendente di un locale pubblico di Capo d’Orlando che presentava dei lievi sintomi è stato posto precauzionalmente in isolamento. Ieri, in una struttura sanitaria pubblica, è stato sottoposto a tampone, che rimane l’unico strumento per diagnosticare in modo certo un’infezione da Covid-19. Sarà mia cura informare tutti sull’esito non appena l’Asp mi comunicherà il risultato. Allo stesso modo i titolari e l’altro personale del locale interessato, hanno avuto la sensibilità di sottoporsi al tampone in una struttura privata e i risultati sono tutti negativi. Ad ogni modo, attenderanno in isolamento anche l’esito del tampone eseguito dall’Asp, che è l’unico ente che può ufficializzare la negatività. Come vedete, non ci sono motivi di preoccupazione, se non quelli dettati dalla diffusione di notizie errate. Manteniamo la calma – conclude il sindaco Ingrillì – e ricordiamoci solo di osservare le regole”.

Leggi anche:  Coronavirus, in Sicilia 860 casi e 10 morti