Capri Leone, mancata apertura asilo: presentata interrogazione


I consiglieri comunali di minoranza di Capri Leone, Giorgio Caputo e Marika Sapone, hanno presentato un’interrogazione sulla mancata apertura dell’asilo nido comunale. L’atto è stato inviato al sindaco Bernardette Grasso, all’assessore alla pubblica istruzione Rosalba Todaro e al presidente del consiglio comunale Caterina Lionetto per essere inserita all’ordine del giorno del prossimo consesso civico.

“Abbiamo sempre contestato – scrivono i ricorrenti – la realizzazione di questa opera in quel sito ma la decisione è stata un’altra. C’è stato un finanziamento da 603.000 euro ed un mutuo stipulato dal nostro comune di 189.190,09 euro con la Cassa Depositi e Prestiti per co-finanziare l’opera. I lavori si sono conclusi il 6 febbraio 2019 e l’arredamento è stato consegnato il 7 luglio 2020. In campagna elettorale è stata garantita l’apertura della struttura a settembre 2022 ma, ad oggi, non abbiamo alcuna notizia, e che ci spieghino il perché. Non tanto a noi – conclude l’atto – ma a tutti i genitori che pagano rette mensili o che sono costretti a portare i loro figli negli asili nido dei paesi limitrofi. A loro una risposta è dovuta”.

Spaccatura nel gruppo di opposizione a Capri Leone?

L’atto è stato firmato solo da Giorgio Caputo (che è stato il candidato a sindaco) e Marika Sapone, mentre i consiglieri Giuseppe Musarra, l’ex sindaco che resta capogruppo e Stefania Munastra non hanno apposto la loro firma. Nelle precedenti interrogazioni erano presenti tutti i consiglieri di opposizione, in questo invece no. Anticipo di spaccatura?

Dalla stessa categoria