E’ stato deferito in stato di libertà, alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Patti, con l’accusa di detenzione illegale di armi, un 82enne di Castel di Lucio trovato in possesso di una doppietta, illecitamente detenuta, in ottimo stato di conservazione, assieme alle relative munizioni. Alla richiesta di spiegazioni, da parte dei militari dell’Arma, l’uomo riferisce che la stessa apparteneva al fratello, deceduto qualche anno prima.

Il fucile è stato ritrovato a seguito di minuziosa perquisizione in un casolare di campagna di proprietà dell’uomo. L’operazione rientrava nell’ambito dei servizi di controllo d’iniziativa volti alla prevenzione e alla repressione dei reati nelle aree rurali e montane, effettuata dai militari del Nucleo Operativo della Compagnia di Mistretta, diretto dal luogotenente Calogero Di Gangi, unitamente ai carabinieri della stazione di Castel di Lucio, comandata da maresciallo capo Matteo De Paola. L’arma, su disposizione del Sostituto Procuratore di turno, è stata sequestrata e rimarrà a disposizione dell’Autorità Giudiziaria per approfonditi accertamenti.

Leggi anche:  Caronia, cresce l’angoscia per Gioele: proseguono le ricerche