Alle affermazioni del Gruppo consiliare di minoranza di Castel di Lucio, relative allo squilibrio di bilancio di circa 220 mila euro per il triennio 2019/2021, replicano la Giunta Comunale, guidata dal sindaco Pippo Nobile, e i consiglieri di maggioranza rigettando le accuse a loro carico di irresponsabilità.

Di seguito la nota, integrale, inviata a questo giornale:

“All’inizio del nuovo anno sentiamo la necessità di chiarire alcuni aspetti dell’azione amministrativa portata avanti dall’Amministrazione comunale guidata dal Sindaco Giuseppe Nobile e sostenuta dal gruppo di maggioranza consiliare “Progetto Comune”. Nella seduta pubblica del Consiglio Comunale svoltasi il 22 novembre 2019, l’Amministrazione Comunale ha proposto di approvare una ipotesi di assestamento di bilancio al fine di preservare la salvaguardia degli equilibri di bilancio. Nel corso della seduta i consiglieri comunali hanno dibattuto alla presenza di tutta la giunta comunale. Richiamati gli atti che hanno preceduto la seduta e il verbale della stessa, occorre subito sgombrare il campo da alcuni allarmismi ingiustificati che i consiglieri di minoranza hanno alimentato nel corso della seduta con le loro dichiarazioni e a distanza di un mese con gli articoli pubblicati.

Premesso che gli amministratori comunali e i consiglieri appartenenti al gruppo di maggioranza sono tutte persone responsabili e, allorquando, a settembre, hanno avuto la consapevolezza, che alcune entrate previste nel bilancio di previsione per l’anno 2019, non si sarebbero potute verificare, si sono attivati in ogni modo, unitamente alla responsabile dell’area contabile e del revisore dei conti, per trovare delle soluzioni coerenti con i numeri e le risorse a disposizione. Lo squilibrio è stato determinato non da maggiori spese, ma da minori entrate, che, in larga parte, riguardano la programmata dismissione del patrimonio comunale disponibile e la vendita della legna del bosco comunale, ed, in parte, derivano dai tagli dei trasferimenti regionali. Dal mese di settembre 2019, le somme disponibili nei capitoli di spesa e ancora non impegnate sono state bloccate e monitorate accuratamente.

Il gruppo di maggioranza si è assunto la responsabilità di non tagliare alcun servizio ai cittadini e di non prevedere, anche per l’anno 2020, alcun aumento di tasse comunali, di proseguire nell’azione di dismissione del patrimonio comunale e nella pubblicazione del bando per la vendita della legna del bosco comunale. Queste entrate non sono “palesemente irrealizzabili”, come vorrebbe intendere la minoranza, e sono state programmate per coprire le maggiori spese che nelle passate gestioni sono state effettuate senza adeguate coperture di bilancio.
In particolare si ricorda che l’Amministrazione Comunale ha: riconosciuto il debito con Enel sole per € 98.000,00 il cui piano di ammortamento per il triennio 2019/2021 si ripartisce per € 33.000,00 annui e contestualmente ha sottoscritto una nuova convenzione che garantisce risparmi per circa € 45.000,00 sul canone annuo; stabilizzato il personale precario, nonostante la riduzione del fondo regionale del 4% pari ad € 16.000,00 circa; riconosciuto debiti fuori bilancio che gravano nell’anno 2019 per € 39.120,00; garantito l’incremento stipendiale dei dipendenti per € 53.000,00; destinato ai contribuenti € 20.000,00 della premialità ricevuta dalla Regione nell’anno 2018, che ha comportato riduzioni in bolletta TARI 2019;

Il gruppo di maggioranza ed i singoli consiglieri comunali che lo compongono hanno sempre condiviso ogni iniziativa dell’Amministrazione comunale e non si sono mai limitati a ratificare l’operato della stessa, hanno avanzato proposte e suggerito soluzioni. Basta leggere i verbali delle sedute consiliari per rendersene conto. E’ evidente che, nel nuovo anno che inizia, l’Amministrazione Comunale dovrà lavorare per proseguire nell’azione di risanamento dei conti per garantire maggiori entrate, non facendo ricorso a nuove tasse, ma perseguendo nella strada tracciata. Al gruppo di minoranza ricordiamo che questa Amministrazione comunale è sensibile alle proposte e all’attenzione di tutti i cittadini senza esclusione alcuna. Da tempo remoto ormai sono finite le contrapposizioni pregiudiziali ed ideologiche. Tuttavia, il gruppo di minoranza non può pensare che un complesso emendamento alla proposta di riequilibrio dei conti, di dubbia legittimità regolamentare, possa essere presentato nel corso della seduta consiliare alle ore 01:05 del giorno 23 novembre con pareri acquisiti in nottata ed essere valutato positivamente dal gruppo di maggioranza.

Maggior senso di responsabilità dei consiglieri di minoranza, investiti della problematica almeno due mesi prima della seduta consiliare in questione, avrebbe comportato la presentazione di una proposta di riequilibrio per tempo. A ciascuno le sue responsabilità, senza trascurare che tutti, amministratori e consiglieri, dobbiamo concorrere al bene della comunità.

Auguriamo a tutti i cittadini Castelluccesi Buon Anno, nella speranza che nei giorni che verranno si potranno concordemente realizzare progetti ed iniziative utili alla crescita e al benessere di tutti e soprattutto di chi si trova in maggiore difficoltà”.

Leggi anche:  L’Amministrazione comunale di Tusa incontra i cittadini - VIDEO