Proseguono i controlli dei Carabinieri del Comando Provinciale di Messina per arginare il coronavirus. I militari stanno svolgendo quotidiani servizi di controllo del territorio, articolati nell’arco di tutte le 24 ore, con la prioritaria finalità di garantire la salute dei cittadini della provincia peloritana.

A Messina, nella notte del 18 marzo, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile hanno denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica dei Minori 2 minori, entrambi 17enni, che circolavano per le vie del villaggio Santo e del Villaggio Bordonaro a bordo di un ciclomotore;

Sempre a Messina, nella serata del 18 marzo, i Carabinieri della Stazione di Camaro hanno denunciato alla locale Procura della Repubblica una coppia di giovani messinesi controllati mentre erano appartati in auto. I militari hanno svolto una perquisizione a carico dei due, rinvenendo indosso alla ragazza 1,5 grammi di stupefacente tipo marjuana e pertanto la hanno segnalata alla locale Prefettura per detenzione di stupefacente per uso personale e questa notte, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile hanno denunciato in stato di libertà alla locale Procura della Repubblica, un 25enne messinese, già noto alle forze dell’ordine, che è stato controllato mentre percorreva la via Garibaldi a bordo di un’autovettura. L’uomo era in evidente stato di alterazione psicofisica e ha rifiutato di sottoporsi all’accertamento sull’assunzione di stupefacenti. I Carabinieri hanno proceduto a perquisizione personale e veicolare trovandolo in possesso di 0,5 grammi di marjuana e di una mazza da baseball. L’uomo è stato pertanto deferito per guida in stato di alterazione per uso di sostanza stupefacenti, porto di oggetti atti ad offendere ed inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità.

A Terme Vigliatore, nel pomeriggio di ieri i Carabinieri hanno segnalato un 54enne che, provenendo da un altro comune, senza alcuna delle giustificazioni previste, conduceva un calesse trainato da un cavallo sul lungomare della frazione Marchesana.

A Monforte San Giorgio, nella serata di ieri i Carabinieri della locale Stazione hanno deferito in stato di libertà un 32enne che è stato controllato mentre percorreva le vie del centro abitato a bordo della sua autovettura, senza giustificato motivo. I militari lo hanno sottoposto a perquisizione personale e veicolare trovandolo in possesso di un coltello a serramanico di quasi 20 cm di lunghezza e circa un grammo di hashish, suddiviso in due dosi. L’uomo è stato pertanto denunciato oltre che per inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità anche per porto ingiustificato di armi bianche ed è stato segnalato alla Prefettura di Messina per detenzione di stupefacenti per uso personale. 

Leggi anche:  San Piero Patti, primo caso di coronavirus: positivo un uomo