Nuove misure più restrittive per fronteggiare il Covid 19 a Santo Stefano di Camastra. Il sindaco Francesco Re ha firmato un’ordinanza (CLICCA QUI) in cui impone nuove regole per il contrasto e il contenimento sul  territorio comunale del  diffondersi del Coronavirus.

Il primo cittadino, in ottemperanza di quanto previsto dal DPCM 13 ottobre 2020 art 1 , comma 1, lett. d  nn. 8 e 9 l’attività degli esercizi pubblici di ristorazione, pub, bar pasticcerie, creperie, rosticcerie, pizzerie  è ammessa dalle ore 5 alle ore 24 con consumazione al tavolo  e dalle ore 5 alle ore 18 in assenza di consumo al tavolo ed è fatto obbligo di esporre all’ingresso del locale un cartello che riporti ben in evidenza il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente all’interno del locale stesso, sulla base delle linee guida e dei vigenti protocolli di settore, e l’attività di ristorazione con asporto è esercitabile fino alle ore 24 con assoluto divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze, ha ordinato il divieto di stazionamento per  le tutte persone,  dalle ore 21:00 e fino alle ore 05:00 del giorno successivo esclusivamente nelle giornate di  sabato e domenica, nelle sotto indicate zone del centro abitato del Comune di Santo Stefano di Camastra:

Via Nazionale in corrispondenza della Piazzetta Croce ed intersezione con la Via Umberto I;

tutta la detta Via Umberto I dall’incrocio con la Via Vittoria fino all’incrocio con il Corso Vittorio Emanuele II;

tutta la Piazza Belvedere – Porta Messina;

il tratto est del Corso Vittorio Emanuele II in entrambi i lati fino all’incrocio con la Via Menotti;

il tratto mediano del Corso Vittorio Emanuele II in corrispondenza con il Largo dei Mille comprese le intersezioni con le Vie G. Garibaldi – San Sebastiano – Brofferio e Leonida;

tutto il Viale delle Palme;

la Via Brofferio in corrispondenza dello slargo di interserzione con la Via Leonida;

tutta la Piazza San Sebastiano comprese le intersezioni con le Vie San Sebastiano – Plebiscito – Concordia e Orfanelli;

il tratto mediano della Via Vittoria in corrispondenza del civico n°61 e la retrostante piazzetta di intersezione tra le Vie Plebiscito – L. Sergio – Manzoni – Garibaldi;

l’estremità nord della Via Garibaldi con intersezione Vie Quartieri e L. Famularo (ex Via Palazzo);

Via Convento nel tratto Liceo Artistico – Calvario (tutto lo slargo).

Da piazza matrice a Via ruota 

È, comunque, fatta salva la possibilità di solo attraversamento e di accesso e deflusso agli esercizi commerciali legittimamente aperti e tutte le altre attività consentite dal D.P.C.M. e dell’Ordinanza del Presidente della Regione Siciliana nonché alle abitazioni private, avendo cura in ogni caso di rispettare il distanziamento interpersonale di almeno un metro.

Leggi anche:  Coronavirus, focolaio all'ospedale di Mistretta

“La mancata osservanza degli obblighi di cui alla presente ordinanza – spiega il sindaco Re – comporterà l’applicazione della sanzione amministrativa minima di euro 500  e massima  di euro 2.000 unitamente alle sanzioni previste dall’art.650 del Codice Penale (arresto fino a tre mesi) salvo che il fatto non costituisca più grave reato,

Per le attività di cui alle presenti  disposizioni la inosservanza delle stesse sarà perseguita anche ai sensi e per gli effetti dell’art. 4 del decreto-legge  25 marzo 2020, n. 19 – Sanzioni e controlli che comporta la immediata sospensione dell’attività”.