I vaccini Covid approvati o in fase di approvazione non ci permetteranno di abbandonare subito le regole sull’uso della mascherina o sul distanziamento. È il monito che arriva da Jonathan Van-Tam, epidemiologo britannico e consulente del governo Johnson, che spiega: “I vaccini sviluppati impediscono che il virus provochi la malattia nell’organismo, ma potrebbero non riuscire a impedire la sua trasmissione da un individuo all’altro”.

In Gran Bretagna sono 5,8 milioni le persone che hanno ricevuto la prima delle due dosi di vaccino necessarie. “Anche se sono state somministrate entrambi –  afferma il professore – potreste trasmettere il Covid-19 a qualcun altro. Il vaccino può evitare di ammalarsi in modo grave – spiega Van-Tam – ma non sappiamo ancora se impedisce il contagio”.

Intanto dalla prossima settimana la fornitura del vaccino da parte di Pfizer tornerà a regime. Lo ha ribadito Pfizer tramite il suo legale rappresentante. La società farmaceutica statunitense ha anche specificato che “dall’8 al 18 Gennaio sono state inviate le fiale previste dal piano di ordinazione, poi c’è stata la riduzione a causa del riadattamento del sito produttivo belga di Puurs. Con la decisione del Governo di somministrare 6 dosi anziché 5, Pfizer ha ridotto il numero di fiale, ma non di dosi previste, che resta lo stesso. Quello che sta accadendo è frutto di un fraintendimento nel conteggio delle dosi che non è il conteggio delle fiale”.

Leggi anche:  Covid, al via la campagna di vaccinazione a San Piero Patti