Covid, gestione emergenza sui Nebrodi. Castrovinci: “Vado in Procura”


“Lassismo e superficialità”. Per il sindaco di Torrenova Salvatore Castrovinci la misura è colma sulla gestione dell’emergenza Covid sui Nebrodi. Il primo cittadino chiede le dimissioni di Criscelli.

Oggi ho inviato l’ennesima nota di protesta sulla gestione dell’emergenza covid 19 nel nostro territorio. Ho voluto mettere a conoscenza anche il Prefetto di Messina del lassismo e della superficialità con la quale si sta affrontando la pandemia nel nostro territorio. Mentre la Sicilia viaggia verso la zona gialla e tutta le province si sono attivate per rafforzare le usca e lo staff di psicologi per arginare i contagi, il Dott. Crisicelli dell’Asp di Messina ha pensato bene di smantellare tutta la macchina dell’emergenza!! Addirittura ai medici dell’USCA ancora non sono stati pagati i vaccini eseguiti al domicilio, proprio in un momento in cui siamo il fanalino di coda proprio per la percentuale di vaccinazioni.

Nella nota ribadisco l‘esigenza di riattivare Usca Nebrodi, Usca scolastica e Usca Capo d’Orlando e di mantenere tutto tutto lo staff di psicologi che sono stati fondamentali nel tracciamento a partire dai tamponi rapidi. Nella nota chiedo anche la rimozione di Crisicelli che ha gestito i due anni di pandemia in maniera scellerata. Le mie prossime note saranno inviate alla Procura della Repubblica perché sulla pelle dei cittadini non può giocare più nessuno”.

Dalla stessa categoria