“Siamo preoccupati per l’attuale andamento della curva dei contagi in Sicilia, per questo abbiamo chiesto al ministro Speranza, che ringrazio, di anticipare di almeno una settimana il provvedimento di istituzione della zona arancione per la Sicilia. Nonostante l’indice Rt dell’Isola non prevedesse infatti questa classificazione, con grande senso di responsabilità, abbiamo così previsto misure più stringenti a salvaguardia del nostro territorio”.

Lo dichiara il presidente della Regione Nello Musumeci che inoltrato la richiesta al Ministero della Salute, Roberto Speranza.

Intanto l’idea dell’Assessore Roberto Lagalla sarebbe quella in Sicilia di tenere le scuole II grado in DAD fino al 31 gennaio. In presenza al 50% dal 1 febbraio. La Scuola Primaria e secondaria di I grado in DAD dal 11 al 17 gennaio. Nessuna sospensione della didattica in presenza invece nell’Infanzia, ovviamente nel rispetto di eventuali ordinanze a livello comunale che devono essere condivise con le ASP locali e che comunque potranno solo prevedere la sospensione della didattica in presenza quindi restano aperti gli uffici e si procederà con la DAD.

Leggi anche:  Capizzi piange un'altra vittima di Covid: la sesta