Settantasei sindaci del Messinese scrivono al Prefetto di Messina Maria Carmela Librizzi, al Presidente della Regione Nello Musumeci e all’assessore regionale alla Sanità Ruggero Razzaesprimendo alcune valutazioni ed evidenziando le enormi criticità con cui sono costretti a convivere quotidianamente durante questa emergenza sanitaria legata al contenimento del virus Covid 19.

I primi cittadini mettono in evidenza che ciò che si sta verificando, in modo particolare nella provincia di Messina, sottolinenando come la diffusione del coronavirus stia avvenendo principalmente all’interno di strutture sanitarie e o similari per poi conseguentemente diffondersi nei territori.

“Ciò non può essere sottovalutato – affermano i primi cittadini – anche alla luce delle criticità che in passato abbiamo evidenziato più volte ma senza alcun riscontro”.

Vi riportiamo la lettera integrale: 

In riferimento a quanto in oggetto, appare evidente esprimere alcune valutazioni e altresì evidenziare le enormi criticità con cui siamo costretti noi Sindaci a convivere quotidianamente, al fine di rendere edotte le autorità competenti per gli opportuni provvedimenti da adottare. Appare evidente specificare in premessa che ciò che si sta verificando, in modo particolare nella nostra provincia di Messina, evidenzia come la diffusione del Covid-19 stia avvenendo principalmente all’interno di strutture sanitarie e/o similari per poi conseguentemente diffondersi nei nostri territori. Ciò non può e non deve essere sottovalutato anche alla luce delle criticità che noi Sindaci abbiamo evidenziato più volte ma senza alcun riscontro.  Nello specifico si evidenzia quanto segue:

  1. Alla data odierna non esiste alcuna comunicazione ufficiale da parte di nessun organo, che abbia informato gli scriventi circa eventuali casi di contagio positivo da Covid-19 relativi a nostri concittadini;
  2. Alla data odierna non esiste una regia unica, ovvero un unico soggetto che sia deputato giornalmente a trasferire ai Sindaci informazioni inerenti la messa in quarantena di nostri concittadini, o eventuali tamponi effettuati e quindi l’esito degli stessi al fine di poter adottare con la massima urgenza, le misure necessarie a determinare una riduzione massima di eventuale diffusione del contagio;
  3. In ogni Distretto Sanitario dovrebbe essere possibile effettuare i tamponi, ma anche in tal senso nessuna comunicazione è pervenuta;
  4. Alla data odierna gli operatori sanitari, non sono stati sottoposti a tampone e non si intende procedere in tal senso fin quando non si evidenziano sintomi e ciò ovviamente espone notevolmente le nostre comunità ad enormi rischi, considerato che gli stessi sono quotidianamente in prima linea.
  5. Alla data odierna gli operatori sanitari evidenziano di non avere dispositivi di protezione individuale ne all’interno delle strutture di emergenza/urgenza, ne presso le strutture sanitarie con un’enorme esposizione del rischio di contagio.

In virtù di quanto sopra evidenziato, appare evidente che solo mediante delle comunicazioni immediate possiamo essere in condizioni di interventi rapidi.

Si ritiene quanto mai indispensabile:

  1. Disporre un coordinamento, che possa prevedere anche l’eventuale presenza di una minima rappresentanza dei Sindaci;
  2. Disporre i tamponi per chi opera in prima linea quali operatori sanitari, forze dell’ordine, Sindaci, volontari Protezione Civile;
  3. Risolvere le criticità espresse in premessa.

Leggi anche:  Asp Messina, spreco di risorse pubbliche? La Uil scrive alla Corte dei Conti